Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: estorsione a imprenditore edile nell'Ennese, un fermo

Rassegna Stampa

Mafia: estorsione a imprenditore edile nell'Ennese, un fermo

Enna. Un uomo di 30 anni di Adrano (Catania), Salvatore Crimi, è stato fermato dai carabinieri dei comandi provinciale di Enna e Catania, coordinati della Dda di Caltanissetta, perché avrebbe minacciato un imprenditore edile del Catanese, che stava eseguendo lavori a Centuripe, affinché mettesse a disposizione del clan Santangelo di Adrano i propri mezzi, pena gravi ritorsioni. L'uomo è accusato di estorsione aggravata e continuata in concorso con l'aggravante di avere agito con metodo mafioso per agevolare il clan Santangelo, collegato alla famiglia Santapaola di Catania. L'indagine è stata avviata nel dicembre 2016 dai carabinieri della compagnia di Nicosia. Il 5 gennaio scorso nell'ambito della stessa indagine i carabinieri di Nicosia, dopo una serie di pedinamenti e servizi di osservazione, avevano arrestato in flagranza di reato un 29enne, Antonino D'Agate e Giuseppe Verzì, di 39, ritenuti gli esecutori materiali dell'estorsione, coloro cioè che sarebbero stati incaricati da Crimi di prelevare i mezzi della ditta vittima dell'estorsione. I due furono bloccati dopo un lungo pedinamento nei pressi della zona commerciale di Misterbianco, mentre si trovavano alla guida di un camion sottratto poco prima all'imprenditore. In quella circostanza gli arresti furono convalidati dalla Procura della Repubblica di Catania che trasmise gli atti per competenza a quella di Enna non essendo ancora chiara la matrice mafiosa del reato. Crimi è stato rinchiuso nella Casa Circondariale di Catania Bicocca. D'Agate il Verzì, raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Enna, dopo una pronuncia del Tribunale del Riesame di Caltanissetta intervenuta prima della contestazione dell'aggravante della matrice mafiosa del reato, sono stati posti agli arresti domiciliari.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

CANI SENZA PADRONE

CANI SENZA PADRONE

by Carmelo Sardo

C'è stato un tempo in cui, nella Sicilia...


1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

1992. SULLE STRADE DI FALCONE E BORSELLINO

by Alex Corlazzoli

A pochi giorni dall’anniversario dell’attentato in via D’Amelio,...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


FUOCO CRIMINALE

FUOCO CRIMINALE

by Rossella Canadè

Una notte di novembre, a qualche chilometro da...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta