Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: sospesi termini, boss restano in carcere

Rassegna Stampa

Mafia: sospesi termini, boss restano in carcere

martello giustizia 5Palermo. La Corte d'assise d'appello di Palermo ha sospeso i termini di custodia cautelare per 23 tra boss ed estortori delle cosche palermitane. Per 14 di loro sarebbero scaduti il 19 febbraio, quindi il rischio scarcerazione era imminente. A presiedere il collegio è stato il giudice Fabio Marino.
La decisione della corte d'assise d'appello scongiura, almeno per il momento, visto che sul provvedimento i legali degli imputati faranno comunque ricorso al tribunale del Riesame, il rischio che possano tornare liberi mafiosi e gregari dei clan di Bagheria e Altavilla Milicia condannati nel 2015 dal gup. A determinare il pericolo di una scarcerazione di massa è stato il tardivo deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado. Il giudice, che già aveva avuto una proroga dei termini per il deposito, in prossimità della scadenza della custodia cautelare, ha chiesto al presidente del tribunale una seconda proroga e a seguito di questa ha sospeso i tempi di decorrenza del carcere preventivo. Una decisione bocciata dal tribunale del Riesame che ha ritenuto illegittime sia la proroga sia il congelamento dei termini. A quel punto è cominciata una corsa contro il tempo: la procura generale si è rivolta alla corte d'assise d'appello, chiamata a celebrare il processo di secondo grado, chiedendo la fissazione di un'udienza apposita in cui discutere la sospensione dei termini, nell'impossibilità di procedere in corso di dibattimento d'appello fissato per il 22 di maggio, quando i boss, cioè, sarebbero stati liberi ormai da mesi. Superando una serie di eccezioni dei legali, la corte oggi ha deciso. La sospensione riguarda 23 dei 25 imputati. Due sono già liberi. Quelli per cui era imminente la scarcerazione erano 14. Tra loro un ergastolano.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA LISTA

LA LISTA

by Lirio Abbate

Luglio 1999: Massimo Carminati svuota il caveau della...

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...


CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...

ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...


MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...

IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...


SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta