Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: ricordato piccolo Giuseppe Di Matteo 21 anni dopo

Rassegna Stampa

Mafia: ricordato piccolo Giuseppe Di Matteo 21 anni dopo

A San Giuseppe Jato concluso progetto "Chi semina racconta"
PALERMO. È nel segno del riscatto del territorio che si sono svolte le iniziative, a cura di Libera e del Comune di San Giuseppe Jato, per ricordare il piccolo Giuseppe Di Matteo, figlio del pentito Santino, ucciso 21 anni fa, grazie al progetto "Chi semina racconta", durato quasi due anni e che ha avuto il suo cuore pulsante nel centro ippico dedicato alla memoria del ragazzino. In un territorio "Particolarmente ferito dalla delinquenza mafiosa, con un tasso di disoccupazione dell'area (30,49%) superiore a quello della provincia (29,55%) - fanno sapere gli organizzatori - e una disoccupazione giovanile poco sotto il 70%" dieci giovani donne a rischio marginalità avranno un'opportunità di lavoro, diventando "operatrici di biofattoria sociale". Insieme a percorsi di inclusione e riabilitazione che sono partiti dall'agricoltura sociale coinvolgendo 120 minori attraverso l'orto e la cura delle piante, ma anche comunità alloggio e disabili o autori di reato coinvolti in percorsi di legalità, per un totale di 20 professionisti e 75 ore di formazione, con il centro ippico Giuseppe Di Matteo, in contrada Portella della Ginestra, rimesso a nuovo e convertito in una biofattoria: sono questi i risultati di "Chi semina racconta", presentati oggi nell'aula Pio La Torre dell'ex Casa del fanciullo di San Giuseppe Jato. L'iniziativa è stata finanziata dal dipartimento della Gioventù e del servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei ministri e realizzata dalla Cooperativa sociale Placido Rizzotto (capofila), da Libera Palermo, da Orizzonte Donna onlus e dalla Rete delle Fattorie sociali Sicilia. Il progetto è stato avviato con la collaborazione di alcuni partner esterni come Cnca, l'Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni del Ministero della Giustizia e l'associazione Famiglie Persone Down.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


PERCHÉ NO

PERCHÉ NO

by Marco Travaglio, Silvia Truzzi

"Marco Travaglio e Silvia Truzzi smontano a una...

ERA DI PASSAGGIO

ERA DI PASSAGGIO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato raccontato da chi più di tutti...


LA PARANZA DEI BAMBINI

LA PARANZA DEI BAMBINI

by Roberto Saviano

Dieci ragazzini in scooter sfrecciano contromano alla conquista...

PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

PEDAGOGIA DELL'ODIO E FUNZIONE EDUCATIVA DEI GENITORI

by Salvatore Casabona

Le recenti cronache hanno portato alla ribalta l'esperienza...


PADRINI E PADRONI

PADRINI E PADRONI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Nel 1908, un tragico terremoto divora Messina e...

SHUKRAN. TI SALVERO'

SHUKRAN. TI SALVERO'

by Giovanni Terzi

«Buonanotte Tammam, abbi cura di te e ricordati che domani...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta