Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mafia: funerali cugino pentito Messina Denaro a Castelvetrano

Rassegna Stampa

Mafia: funerali cugino pentito Messina Denaro a Castelvetrano

Il ricordo del figlio, ci hai insegnato a dire basta
Castelvetrano (Trapani), 9 GEN - Un amore dichiarato verso il padre, un appello a seguirne l'esempio e parole dure rivolte a chi "gioendo banchettava" per la morte del genitore: "che i loro figli possano disprezzarli e odiarli". E' stato un discorso forte e coraggioso quello che Giuseppe Cimarosa, ha pronunciato questo pomeriggio, nella chiesa Maria Santissima Annunziata di Castelvetrano, davanti al feretro del padre Lorenzo, che per primo aveva rotto il silenzio sugli affari della famiglia mafiosa di Castelvetrano guidata dal boss Matteo Messina denaro. Lorenzo Cimarosa, 56 anni, cugino acquisito da parte della moglie del superlatitante, era stato arrestato nel dicembre 2013 nell'ambito dell'operazione antimafia Eden; dall'aprile 2016 era agli arresti domiciliari per motivi di salute dopo avere reso dichiarazioni spontanee ai magistrati facendo scattare nuove indagini. Cimarosa, che pur collaborando con i magistrati aveva negato di essere stato affiliato a Cosa Nostra, è morto sabato notte nella sua casa di Castelvetrano dopo una lunga malattia. "In vita sei stato coerente con la tua scelta. Ci hai dato la libertà. Quella libertà che deve fare gridare a tutti basta" ha aggiunto ancora il figlio Giuseppe, che con il fratello ha spinto il padre a pentirsi senza mai accettare un programma di protezione e che al termine del suo intervento è stato applaudito. Circa 150 i partecipanti al funerale officiato da don Rino Randazzo che ha avuto parole di apprezzamento per il comportamento di Lorenzo Cimarosa al quale si sono "aperte le porte del Signore". A poche decine di metri, dalla chiesa, affacciati a un balcone della loro casa di via Cadorna (dove risiedono le sorelle di Messina Denaro),al termine dell'omelia funebre, sono stati notati alcuni dei familiari più stretti del latitante che non hanno partecipato alle esequie.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

SALVATO DA UN MALEDETTO DESTINO

by Roberto Anteghini, Jonathan Arpetti

Le pagine di questo libro raccontano un’avventura umana...

CAMORRA NOSTRA

CAMORRA NOSTRA

by Giorgio Mottola

«Non chiamatela Camorra. È Cosa Nostra».Questa sorprendente dichiarazione...


ITALICUS

ITALICUS

by Paolo Bolognesi , Roberto Scardova

Troppe cose ancora rimaste in sospeso: enigmi, fatti...

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

MAFIA. Vita di un uomo di mondo

by Alfredo Galasso, Angelo Siino

Angelo Siino, «pentito» eccellente e collaboratore di giustizia,...


IL FILO DEI GIORNI

IL FILO DEI GIORNI

by Maurizio Torrealta

«Vedi, sono stati tutti arruolati dentro quella che...

SHAKK

SHAKK

by Antonio Gerardo D'Errico

Shakk è la storia dei nostri tempi. Il...


FARE DEL MALE NON MI PIACE

FARE DEL MALE NON MI PIACE

by Giusy La Piana

Killer, guardaspalle, "ragioniere", fantasma, mediatore, guru dei picciotti,...

I NOSTRI CENTO PASSI

I NOSTRI CENTO PASSI

by AA.VV.

Un'eccezionale testimonianza dei ragazzi delle scuole della "Rete...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano a trattare con la mafia


quarantanni-di-mafia-agg

Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


apalermo-homeLuciano Mirone

A PALERMO PER MORIRE
I cento giorni che condannarono
il generale Dalla Chiesa




la-mafia-non-lascia-tempo-homeGaspare Mutolo con Anna Vinci

LA MAFIA NON LASCIA TEMPO
Vivere, uccidere, morire, dentro a Cosa Nostra. Il braccio destro di Totò Riina si racconta