Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Mattarella padre all'origine della fortuna di Ciancimino

Rassegna Stampa

Mattarella padre all'origine della fortuna di Ciancimino

mattarella bernardo eff c ansaNel 1950, da sottosegretario,consegnò l’esposto con cui don Vito ebbe il primo appalto Fs: le lettere nel processo contro il giornalista Caruso
di Sandra Rizza 
Fu il potente Dc Bernardo Mattarella a sponsorizzare personalmente l’ingresso nel mondo degli affari di Vito Ciancimino. È quanto emerge dai documenti della Commissione parlamentare Antimafia della V legislatura (1968-’72), ora depositati nella causa che il capo dello Stato Sergio Mattarella, affiancato dai nipoti Bernardo jr. e Maria, ha intentato a Palermo nei confronti del giornalista Alfio Caruso, autore del libro Da cosa nasce Cosa, accusandolo di aver “infangato” il padre scomparso nel ’71.

Tra le carte a disposizione del nuovo giudice Maura Cannella (insediatasi alla prima sezione civile dopo una girandola di sostituzioni che avevano trasferito il processo già una prima volta dal giudice Enrico Catanzaro alla collega Sebastiana Ciardo, astenutasi dopo aver già accolto in passato una domanda risarcitoria dei Mattarella), c’è la corrispondenza datata 1970 tra il deputato Francesco Cattanei, allora presidente dell’Antimafia, e il direttore generale delle Ferrovie dell’epoca, Ruben Fienga, che testimonia chiaramente come vent’anni prima, nel 1950, Mattarella senior avesse aiutato don Vito ad accaparrarsi la concessione per il trasporto dei carrelli stradali per gli scali ferroviari. In che modo? Il vecchio Bernardo, che era sottosegretario ai Trasporti, consegnò personalmente l’esposto col quale don Vito rivendicava un “titolo prioritario” all’assegnazione dell’appalto, garantendo così l’avvio della scalata al potere di quello che diventerà il sindaco mafioso di Palermo. Due note della Questura, nell’estate del 1950, completarono l’opera: attestando che lo spiantato don Vito era in possesso di una laurea in Ingegneria (mai conseguita) e che poteva spendere 16 milioni per le attrezzature necessarie al trasporto dei carrelli. Risultato? Nell’agosto ’51 la Ditta Ciancimino si aggiudicava il servizio che avrebbe mantenuto fino al 1970, quando da Palermo trapelò la notizia che don Vito era sotto i riflettori dell’Antimafia. “È evidente il rilievo di tali documenti – osserva l’avvocato Fabio Repici, difensore di Caruso, che nei giorni scorsi ha depositato gli atti – per destituire di ogni fondamento le doglianze di Sergio Mattarella e dei suoi nipoti, che hanno sempre sostenuto l’assoluta falsità di ogni vicinanza tra il vecchio Bernardo e Ciancimino”.

Ma cosa emerge dal carteggio depositato? Nella lettera dell’11 novembre ’70, Cattanei chiede al ministero dei Trasporti “se vi furono pressioni… a favore del Ciancimino”. Pochi giorni dopo, il 28 novembre, Fienga risponde: “Benché Ciancimino avesse chiesto l’affidamento della concessione a trattativa privata… venne bandita a Palermo una pubblica gara alla quale chiesero di partecipare 4 ditte… Il 31 ottobre 1950 fu prospettato alla sezione Commerciale e del Traffico di Palermo che la Ditta Ciancimino, con un esposto presentato a mezzo del Sottosegretario dei Trasporti, on. Mattarella, aveva rivendicato titolo prioritario all’assegnazione del servizio”. A questo punto, l’ufficio viene incaricato di verificare se don Vito possedesse i requisiti richiesti. Fienga conclude: “Dalle informazioni della Questura, risultò che Ciancimino aveva una consistenza finanziaria maggiore dei concorrenti”. Sarà un caso, scrive Bianca Stancanelli nel suo libro La città marcia (anche questo depositato da Repici), “ma il ministro dell’Interno, in quel 1950 in cui la Questura si mostrava così attenta alla sorte di Ciancimino, era un altro siciliano: Mario Scelba”.

Il Fatto Quotidiano

Foto © Ansa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa