Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Mafia eventi Sicilia Quattro furti in un mese. Raid al centro Padre Nostro

Rassegna Stampa

Quattro furti in un mese. Raid al centro Padre Nostro

centro padre nostro furto recinsioneAncora una volta è stata rubata parte della recinzione del campetto di calcio.
di Monica Panzica
Palermo. Una scia di furti senza fine. E, nel mirino, c'è ancora una volta il campetto di calcio di via Salvatore Cappello, dove a breve saranno finalmente collocate le telecamere della videosorveglianza.

Vorrei fare un appello ai "soliti noti" che, la notte del 5 aprile 2016, hanno asportato un'altra parte della rete di recinzione che delimita il campo di calcetto di proprietà del Centro di Accoglienza Padre Nostro fondato dal Beato Giuseppe Puglisi, sito in vicolo Salvatore Cappello. Già il 10 febbraio 2016, il 24 febbraio 2016 e il 27 marzo 2016 avevano rubato paletti e parti di recinzione. Un nuovo raid al centro Padre Nostro, dove il presidente Maurizio Artale denuncia un ulteriore furto della recinzione.

"Vi chiedo se gentilmente potete "rubare" in un'unica azione quanto di vostro interesse - dice rivolgendosi ai malviventi con una provocazione - in modo da evitarmi di andare a sporgere regolare denuncia alle forze dell'ordine, sprecando del tempo prezioso che volentieri dedicherei a persone che, alla fine come voi, finiscono in carcere. State sereni perché potrete operare indisturbatamente senza che nessuno vi colga in flagranza di reato", sottolinea. Un calvario, quello del centro fondato da padre Pino Puglisi: più di ottanta le intimidazioni subite dall'apertura ad oggi, come il presidente ha raccontato a LiveSicilia.

"Si tratta di una mentalità mafiosa insita del dna di adulti e ragazzi, specie nelle zone più critiche della città come Brancaccio. Per questo - ha detto Artale - posso dire che a Brancaccio in questi anni, ben poco è cambiato. Se a questa gente non si dà il lavoro, l'illegalità regnerà sempre sovrana perché rappresenta l'unica via possibile".

livesicilia.it

In foto: l'area in cui si trovava la recinzione

La Redazione ANTIMAFIADuemila esprime la piena solidarietà a Maurizio Artale e a tutti i volontari del Centro “Padre Nostro” per i furti subiti.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa