Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Politica Italia Coronavirus: de Magistris, 'Governo dia risposte per arrivare prima della criminalita''

Rassegna Stampa

Coronavirus: de Magistris, 'Governo dia risposte per arrivare prima della criminalita''

Napoli. "II premier Conte deve capire che bisogna mettere in campo un'economia di guerra, e come in ogni economia di guerra per ripartire ci vuole il pubblico, ci vogliono soldi pubblici. O si allenta tutto, sui vincoli, o non si riparte. Intanto facciamo debito, iniettiamo liquidità nelle tasche di chi è rimasto senza soldi. Con investimenti pubblici importanti, a sostegno delle categorie produttive, tutte, per evitare che le aziende chiudano per sempre, i negozi non riaprono. E tutto con un rischio gigantesco di criminalità". A dirlo è il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in un'intervista al quotidiano "Il Tempo". De Magistris sottolinea l'importanza di "essere rapidi per arrivare prima della criminalità, che ha liquidità, non ha burocrazia e sa dove bussare", e presenta le due misure prese dal Comune: "il Banco di mutuo soccorso, una base logistica nel centro di Napoli dove chi vuole donare porta farmaci, alimenti e noi con la rete dei volontari entriamo nelle case di chi più ha bisogno, e poi è operativo da questo fine settimana il Fondo comunale di solidarietà, un conto corrente dove il Comune ha messo una somma, il Governo, con una parte dei fondi arrivati a noi di quelli destinati ai Comuni, e le donazioni private. Con questi due provvedimenti arriviamo a coprire più o meno 50mila famiglie". E sui soldi de Magistris spiega che "è il Governo, non sono i Comuni, che deve iniettare liquidità a chi non ha un soldo in tasca. Tenendo anche conto che, se crollano i Comuni, dopo comincia a crollare tutto, perché non puoi più garantire assistenza al povero, all'anziano, la raccolta rifiuti, la illuminazione pubblica, finisce tutto".

Adnkronos

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa