Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Politica Italia Di Maio a Berlusconi: ''Noi facciamo bonifici a imprese italiane, tu li hai fatti a Cosa Nostra''

Rassegna Stampa

Di Maio a Berlusconi: ''Noi facciamo bonifici a imprese italiane, tu li hai fatti a Cosa Nostra''

di maio luigi c ansadi Stefano Rizzuti
Luigi Di Maio attacca Silvio Berlusconi: “Caro Berlusconi, noi i bonifici li facciamo alle imprese italiane e ai cittadini italiani. Tu li hai fatti a Cosa Nostra. È scritto tutto nelle sentenze”.

Il candidato alla presidenza del Consiglio del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio attacca pesantemente Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia: “Caro Berlusconi – dice Di Maio da Bari – noi i bonifici li facciamo alle imprese italiane e ai cittadini italiani. Tu li hai fatti a Cosa Nostra. È scritto tutto nelle sentenze”. Il capo politico del M5s replica a una frase detta oggi da Berlusconi: “Oggi gli ho sentito dire ‘avete visto il M5s, hanno fatto in fretta a imparare a rubare’”. Ma, continua Di Maio, “entrambi gli schieramenti gareggiano nel candidare imputati, condannati e impresentabili”.

Di Maio non risparmia un attacco al Pd: "Dall'altra parte sto sentendo il Pd dire che noi siamo quelli che non sanno governare il Paese, ma loro che lo stanno governando passeranno alla storia come quelli che hanno fatto leggi tremende come il Jobs act e la legge Fornero”. E ancora, un attacco congiunto a Pd e Fi: “Renzi e Berlusconi sono giorni che dicono che se non c’è una maggioranza si va a votare. Lo sapete perché lo dicono? Avevano fatto una legge elettorale per mettersi insieme dopo le elezioni, solo che adesso il Pd ha il 20% e Forza Italia il 15 quindi non hanno la possibilità di fare l'inciucio e temono di dover venire a parlare con noi per fare un governo: noi oggi siamo la prima forza politica e tra qualche giorno potremo essere il primo gruppo in Parlamento e allora o si parla con noi per fare un governo o perderanno la poltrona per tornare a votare”.

Il capo politico del M5s sostiene che “non sapere chi siano i candidati alla presidenza del Consiglio degli altri schieramenti è un problema. E probabilmente nei prossimi sette giorni non lo verremo a sapere, perché queste non sono delle coalizioni ma grandi ammucchiate”. Inoltre, Di Maio ribadisce di non fidarsi del Pd nonostante le parole di Michele Emiliano che propone al Pd di appoggiare un governo a guida M5s: “Se ci saranno convergenze saranno su un contratto su un programma di lavoro, con nessuno scambio di poltrone. Il Pd, pur di restare aggrappato a qualcosa, dice che bisogna sostenere un governo nostro”.

La telefonata tra Di Maio e Di Battista
Video telefonata tra Di Maio e Alessandro Di Battista pubblicata su Instragram: nella conversazione il candidato premier afferma: “Ormai il bersaglio siamo noi ed è chiaro che loro devono colpire in tutti i modi. Non c’è nessun trattamento equo, ormai la prendo con filosofia, ma è chiaro che gli italiani devono dare una lezione col voto ai giornali e a questo sistema di disinformazione”.

"Non c’è nessun trattamento equo – continua Di Maio – la vicenda del sindaco di Acireale (Roberto Barabagallo) dimostra come il Pd stia raccattando voti con il voto di scambio e noi ci ritroviamo a parlare ancora del M5S che mette fuori chi sbaglia”. Di Maio chiude la telefonata con un annuncio: “Domani diciamo agli italiani un nome di un nostro ministro, a Raitre, insieme lanciamo uno dei nomi della nostra squadra”. I due saranno infatti ospiti della trasmissione ‘1/2 in più’ condotto da Lucia Annunziata.

fanpage.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa