Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Politica Italia Elezioni: Caselli, silenzio dei partiti aiuta poteri occulti

Rassegna Stampa

Elezioni: Caselli, silenzio dei partiti aiuta poteri occulti

caselli c samuele firrarelloMassoneria e mafie problema nazionale che condiziona democrazia 
ROMA. "Massoneria e mafie: il silenzio dei partiti aiuta i poteri occulti". Il magistrato Gian Carlo Caselli lancia l'allarme alla vigilia del voto del 4 marzo. Lo fa su Famiglia Cristiana in edicola da domani. "Certi intrecci, ancora negati o ridotti a folclore locale, non riguardano solo qualche appalto", denuncia l'ex procuratore capo di Palermo e di Torino: "Sono un problema nazionale che ha condizionato e condiziona la nostra democrazia". Imprenditori, politici e studenti. Sacerdoti e magistrati. Mafiosi. Nelle logge delle quattro "obbedienze" (Grande Oriente d'Italia, Gran Loggia d'Italia, Gran Loggia regolare d'Italia, Serenissima Gran Loggia regolare d'Italia) ci sono proprio tutti, scrive Famiglia Cristiana. In totale oltre 17 mila iscritti e più di qualche zona d'ombra. Lo certifica la Commissione antimafia. Che, con l'aiuto della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo, ha rilevato al loro interno 193 "fratelli" con "evidenze giudiziarie per fatti di mafia". Restringendo l'indagine alle sole Sicilia e Calabria, risulta che ogni due logge ci sarebbe la presenza di un mafioso o un suo complice. Una "criticità" che però non sembra aver destato particolare allarme. Tanto meno in vista delle prossime elezioni. "Non mi stupisce questo silenzio", commenta Caselli. "In democrazia non dovrebbero esistere associazioni segrete con vincolo di obbedienza. Invece esistono e sono spesso veicolo di incroci torbidi fra mafiosi e altri potenti, con reciproco rafforzamento. Ma guai a chi ne parla più di tanto! C'è un processo di rimozione/riduzione collaudato da tempo e riscontrabile in molti delicati casi".

ANSA

Foto © S. F.

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa