Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Politica Italia Ponte sullo Stretto, il sindaco Accorinti: ''E' un'offesa, pronto a proteste eclatanti''

Rassegna Stampa

Ponte sullo Stretto, il sindaco Accorinti: ''E' un'offesa, pronto a proteste eclatanti''

Si dice pronto alla protesta, “eclatante se serve”. Renato Accorinti, sindaco di Messina, attivista pacifista e fondatore del movimento ‘No Ponte’, non ha dubbi. “Parlare ancora di Ponte sullo Stretto è un offesa alla Sicilia e all’intero Mezzogiorno – dice all’Adnkronos -. Chi oggi ancora sponsorizza quest’opera inutile, costosissima, devastante dovrebbe avere la decenza di chiudere la bocca. Purtroppo Berlusconi sa parlare alla pancia della gente, è il mago delle illusioni e riesce ancora a prendere in giro gli elettori”. Dopo il governatore siciliano, Nello Musumeci, questa volta è il leader di Forza Italia, infatti, a rispolverare il progetto. “Serve un grande piano per il Sud soprattutto per le infrastrutture – ha detto a Telelombardia -. Sono stato in Sicilia e ho trovato un disastro, è una regione in agonia. Il ponte sullo Stretto è la prima cosa da fare”. “Berlusconi è un pazzo – attacca Accorinti -. Alla Sicilia servono infrastrutture utili e non certo tre chilometri di cemento in un deserto trasportistico che non cambierebbero la vita del Sud”. Un progetto, quello del ponte sullo Stretto, che il primo cittadino studia da anni. Della battaglia contro l’opera il sindaco di Messina ha fatto uno dei suoi cavalli di battaglia. Sin dal gennaio del 2006 quando con il momento ‘No Ponte’ ha portato in piazza 25mila persone. “Da siciliano mi indigno quando sento parlare ancora dopo anni di questo tema – prosegue -. E’ un’opera gigantesca e inutile che dovrebbe sorgere in una delle zone a più alto rischio sismico del Mediterraneo”. Le priorità per l’Isola sono altre. “Alla Sicilia servono ferrovie, porti, aeroporti, autostrade perché negli ultimi 150 anni il divario con il resto del Paese è cresciuto sino a diventare vergognoso – dice -. Dopo Salerno le ferrovie non esistono più e in molti tratti c’è ancora il binario unico”. Ecco che allora secondo Accorinti”pensare al Ponte è come immaginare l’attico di una casa a cui mancano le fondamenta. Il Sud e la Sicilia sono la miniera d’Italia, ma sono stati lasciati morire. Per la rinascita serve una programmazione seria e non certo il solito vecchio spot elettorale” conclude.

stampalibera.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa