Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Politica Italia Intercettazioni, Lorusso a 'Tg3 Fuori Tg': ''Le nuove norme sono un limite al giornalismo d'inchiesta''

Rassegna Stampa

Intercettazioni, Lorusso a 'Tg3 Fuori Tg': ''Le nuove norme sono un limite al giornalismo d'inchiesta''

Ospite della puntata dedicata ai cronisti 'sotto tiro', il segretario generale della Fnsi ribadisce la posizione del sindacato in tema di intercettazioni. E sulla libertà di stampa in Italia osserva: «Governo e Parlamento non hanno ancora fatto nulla in tema di minacce e 'querele temerarie'».

«Le nuove norme sulle intercettazioni possono essere un limite al lavoro dei giornalisti che fanno inchieste. Certa politica cerca da sempre di regolare i conti con la stampa che parla troppo, che fa venire a galla troppe cose che nuocciono all'immagine di qualche politico. Il tentativo di regolare i conti c'è, perché con questa riforma si tenta di non far venire a galla le notizie scomode».

Ospite della trasmissione "Tg3 Fuori Tg" nel corso della puntata dedicata ai cronisti "sotto tiro", il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, ribadisce la posizione del sindacato dei giornalisti in tema di intercettazioni.

«In questo provvedimento – prosegue – è come se ci fosse un'equazione secondo la quale deve avere rilevanza pubblica, e quindi essere pubblicabile, solo ciò che ha rilevanza penale. Ma così non è: ci sono notizie di rilevanza pubblica e di interesse generale che possono non avere rilevanza penale».

Commentando poi i dati di Reporter Senza Frontiere sulla libertà di stampa nel mondo, Lorusso ricorda che «tra le cause del poco lusinghiero 52° posto dell'Italia ci sono anche le "querele temerarie". Un problema tutto italiano – spiega – con cui devono fare i conti quei giornalisti che subiscono vere e proprie minacce o intimidazioni sotto forma di richieste di risarcimenti milionari che poi si rivelano infondate e che servono solo a limitare la libertà del cronista. Un problema che la Federazione della Stampa ha più volte portato all'attenzione di Parlamento e governo, che finora però a tale riguardo non hanno fatto nulla».

E in chiusura di trasmissione, riflettendo sulle storie dei cronisti sotto scorta Paolo Borrometi e Marilena Natale, Lorusso rileva: «L'opinione pubblica ha chiara la consapevolezza dell'utilità del buon giornalismo per la società. Una consapevolezza che la politica dimostra di non avere, perché oggi i giornalisti italiani devono fare i conti, oltre che con norme bavaglio, anche con condizioni di lavoro sempre più precarie».

fnsi.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...

CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...


LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa