Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Incendio doloso a Marinalonga. I residenti: ''Tutto frutto del clima di odio nei nostri confronti. Sino a quando, però, si riuscirà a evitare il peggio?''

Rassegna Stampa

Incendio doloso a Marinalonga. I residenti: ''Tutto frutto del clima di odio nei nostri confronti. Sino a quando, però, si riuscirà a evitare il peggio?''

Sembra non avere fine la querelle tra i residenti del condominio, ville e bungalow di Marinalonga, a Carini, e numerosi cittadini che rivendicano la concessione di un pezzo di costa nonostante entrambi i condomini abbiano due concessioni demaniali legittime, così come attesta il parere favorevole degli enti proposti. Se ci si fermasse a denunce, proteste, manifestazioni che negli anni si sono susseguite in maniera sempre più virulenta potrebbe anche rientrare tra le normali controversie nate in situazioni del genere, ma questo pomeriggio si è andati oltre dal momento che solo il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha evitato il peggio a causa di un incendio doloso appiccato in un’area limitrofa al residence. Generale la certezza che a causarlo sia stato l’annoso clima di odio nei confronti di chi vi risiede. Presumibilmente anche a causa dell’ennesima ispezione a sorpresa a Marinalonga dai parlamentari regionali Giampiero Trizzino e Luigi Sunseri, insieme all’europarlamentare Ignazio Corrao e al candidato a sindaco del Comune di Carini, Ambrogio Conigliaro. Senza contare l’effetto devastante che ha avuto nella popolazione il sit-in organizzato lo scorso 30 luglio davanti ai cancelli del residence dal movimento “Azione Civile” guidato dall’ex magistrato Antonio Ingroia, che non ha certamente contribuito a placare gli animi.
«Ciò che è successo oggi è il risultato di un clima sempre più pesante - affermano alcuni dei residenti di Marinalonga – ma non credevamo si potesse arrivare a tanto. Abbiamo sopportato di tutto, dagli attacchi personali alle aggressioni come quella dell’anno scorso a un dipendente sino all’incendio di oggi. Ora abbiamo veramente paura per la nostra incolumità. E se i nostri bambini si facessero male? Di chi sarebbe la responsabilità prima di tutto morale? Difficile comprenderlo? Questa volta non è successo il peggio, ma è solo fortuna. Abbiamo più volte chiesto all’amministrazione comunale di ripulire quest’area, procedendo alla potatura delle piante, ma di risposte non ne abbiamo mai ricevute. Manca anche l’illuminazione e questo crea problemi di sicurezza pubblica. Un’indifferenza che giova a chi? Non riusciamo a comprenderlo».

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa