Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Droga, arrestati in Sud America due latitanti

Rassegna Stampa

Droga, arrestati in Sud America due latitanti

di AMDuemila
La squadra mobile di Torino e il servizio centrale operativo con la collaborazione del servizio per la cooperazione internazionale di Polizia, nell'ambito del progetto "Wanted" hanno individuato e arrestato Antonio Rao e Joseph Michel Bernard Dalmasso. I due erano stati coimputati in una operazione antidroga condotta nel 2012 dalla squadra mobile di Torino denominata "rewind" che aveva consentito di disarticolare un sodalizio criminoso dedito all'importazione di ingenti quantitativi di cocaina.
In quell'indagine, secondo quanto emerso dalle indagini, Rao sarebbe stato il tramite tra i trafficanti brasiliani e quelli italiani. Tra i soggetti arrestati nell'ambito di quella operazione figuravano anche personaggi di spicco appartenenti alla 'ndrangheta radicata in Piemonte.
Le indagini per la cattura dei due latitanti, coordinate dalla Procura Generale della Repubblica di Torino, hanno consentito anche di individuare la rete di fiancheggiatori che, dalla provincia di Torino, hanno favorito Rao nel mettere in atto la fuga pochi giorni prima che venisse emesso il provvedimento di carcerazione dalla Corte di Cassazione.
In particolare sono stati indagati per favoreggiamento 3 persone: due donne ed un uomo, tutti abitanti tra i comuni di Rivalta e Piossasco della cintura torinese che, oltre ai congiunti, hanno con le loro azioni non solo eluso le investigazioni tese al suo rintraccio ma lo hanno di fatto accompagnato in Spagna da dove poi si è diretto in Bolivia. Durante la sua permanenza in quello Stato gli hanno, inoltre, procurato ed inviato il denaro necessario al suo sostentamento.
Rao, nato ad Anoia (Reggio Calabria) ma residente a Rivalta è destinatario dell'ordine di esecuzione per la carcerazione emesso il 20 giugno scorso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d'Appello di Torino, dovendo scontare la pena di 10 anni di reclusione, per reati concernenti la violazione della legge sugli stupefacenti e violenza sessuale su minore di anni 18.
Dalmasso nato a Saint Laurent Du Var (Francia) era destinatario dell'ordine di carcerazione emesso il 26 novembre del 2015 dalla procura generale della repubblica di Torino, dovendo scontare la pena di 5 anni e 7 mesi di reclusione per reati concernenti la violazione della legge sugli stupefacenti.

Fonte: AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa