Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Santiago a ferro e fuoco, il rimpasto di Piñera non placa la rabbia dei cileni

Rassegna Stampa

Santiago a ferro e fuoco, il rimpasto di Piñera non placa la rabbia dei cileni

Incendi e saccheggi nella Capitale, manifestanti si denudano davanti al commissariato. Finora almeno 20 persone sono state uccise nelle proteste antigovernative
Violenti incidenti con incendi in edifici e saccheggi in locali commerciali sono avvenuti ieri sera a Santiago del Cile nel quadro della protesta sociale che scuote il Paese dal 18 ottobre scorso. Un gruppo di manifestanti cileni si è denudato davanti a un commissariato di Santiago del Cile. I manifestanti, con il corpo dipinto di bianco, hanno simulato ferite di colpi d’arma da fuoco per ricordare le 20 vittime delle proteste antigovernative e hanno appeso alla porta di ingresso del commissariato di San Miguel le foto con i nomi dei morti, tra i quali ci sono tre peruviani, due colombiani e un ecuadoriano.
Decine di migliaia di persone sono intervenute per un corteo che da Piazza Italia si è diretto verso la Moneda. Durante il corteo - scrive l’Ansa - un gruppo di manifestanti ha appiccato il fuoco alla stazione Baquedano della metro, denunciando che la polizia che si trova al suo interno ha creato un ‘centro di tortura’. I responsabili dell’atto si sono quindi spostati verso Santa Rosa dove hanno provocato un incendio in un centro medico e hanno saccheggiato locali di McDonald’s e di Fashion Park.
Un altro gruppo ha assaltato un supermercato non lontano dalla Moneda. Quest’ultima è circondata da barriere metalliche e un forte contingente di polizia. Nel cielo una densa cortina di fumo impedisce la visibilità della città.
Le proteste proseguono anche dopo il rimpasto di governo operato dal presidente Sebastian Pinera, che ieri ha sostituito otto ministri tra cui quello degli Interni, nominando l’ingegnere Gonzalo Blumel al posto dell’esponente del partito conservatore dell’Unione Democratica Indipendente Andrés Chadwick, che partecipò all’era Pinochet nella sua lunga carriera di oltre 40 anni. Oltre al capo dell’Interno, Pinera ha nominato Ignacio Briones alla guida del ministero delle Finanze, sostituendo l’economista Felipe Larraín. Come portavoce, il capo di Stato ha scelto Karla Rubilar in sostituzione di Cecilia Pérez, diventata ministro dello Sport. Il presidente ha poi nominato Lucas Palacios Covarrubias come ministro dell’Economia, María José Zaldivar al ministero del Lavoro e Julio Isamit ai Beni nazionali. Pinera aveva preannunciato alcuni giorni fa un ampio rimpasto dell’esecutivo per rispondere all’ondata di proteste contro il governo che nei giorni scorsi ha provocato violenze e scontri tra manifestanti e polizia. Ma la sua mossa non è bastata a placare il malcontento: la mobilitazione continua.

huffingtonpost.it

ARTICOLI CORRELATI

Il presidente Piñera: assassino!

Uruguay: no alla militarizzazione

Elezioni in Argentina e referendum in Uruguay, vince il popolo

La voce del popolo rivoluzionario. In Sudamerica piccoli segni di cambiamento

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa