Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news ''Chiunque tocchi Putin si brucia. Come Salvini'': al Lido parla il ''Citizen K''

Rassegna Stampa

''Chiunque tocchi Putin si brucia. Come Salvini'': al Lido parla il ''Citizen K''

di Anna Maria Pasetti
Khodorkovskij ritratto da Gibney

Attenzione al “Citizen K”: potrebbe rivelare cose che voi (italiani) non vorreste sentire. Eccone una, esemplare: “Chi ha rapporti troppo vicini con il Cremlino si espone a rischi che neanche può immaginare. Il vostro ex vicepremier Salvini, ad esempio: avete visto che fine ha fatto!?”. Parole di Michail Borisovic Khodorkovskij, a corredo del documentario a lui dedicato, Citizen K, appunto, scritto e diretto da Alex Gibney, un Oscar (Taxi to the Dark Side) e talento da vendere. Il film è fuori concorso alla Mostra veneziana e il regista ha voluto presentarlo insieme al suo protagonista, che può circolare ovunque tranne che in madrepatria, dove è esiliato dal 2013 quando fu scarcerato. L’ex oligarca nonché fra gli uomini più ricchi di Russia è un perseguitato, una delle tante vittime di Putin, ma soprattutto è il suo peggior nemico: zar Vladimir lo ha affrontato, impoverito, minacciato, arrestato (ovviamente per frode fiscale) e infine spedito in Siberia per 10 anni. Lì, l’astuto ingegnere chimico è diventato filosofo, guru e attivista fondatore di Open Russia.

Citizen K è narrato come una spy story ma è anche una grande radiografia della Russia putiniana ab origine. Lontano dall’essere un santo, il signor K. ha sempre avuto l’intelligenza di cadere in piedi: da qualche anno residente a Londra - e non è un caso che nella capitale britannica si siano verificati diverse “morti incidentali” di expat russi - l’imprenditore usa la parola quale unica sua arma contro il nemico numero e a favore dei valori democratici. “La Russia non è solo uno stato autoritario ma è un Paese governato dalla mafia che controlla con la corruzione giri d’affari inimmaginabili: chi si pone di traverso ha il destino segnato. Bisogna essere prudenti, basta poco per essere arrestati, anche se l’omicidio di Stato per aver diffamato Putin o denunce sul suo operato ancora sono rari, temono i martiri come Anna Politkovskaja. Però la prigionia in Siberia si ottiene facilmente, basta partecipare a una manifestazione pacifica di dissenso al governo”. Il cittadino Khodorkovskij conosce la materia e non si risparmia. “Putin ha statalizzato ogni media, sa perfettamente controllare l’opinione pubblica anche se su Internet ci sono margini di libertà: probabilmente il dittatore e il suo staff non sanno come arginare totalmente il flusso della rete o non vogliono farlo. Il punto è che per fermare il regime attuale di repressione della libertà individuale è necessario che il mondo si faccia sentire: le istituzioni russe sono sensibili alle pressioni internazionali per non compromettere la reputazione”. E non c’è dubbio che la diffusione di questo splendido documentario dai tratti di una cautionary tale (fiaba che mette in allerta, ndr) potrà asservire la nobile causa.

Il Fatto Quotidiano

Foto © Afp Photo / Alexander Nemenov

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa