Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news ''La bolla delle azioni portera' presto a una nuova recessione''. Emiliano Brancaccio: ''La politica monetaria ha esaurito il suo potenziale di espansione'', avverte il professore di Politica economica

Rassegna Stampa

''La bolla delle azioni portera' presto a una nuova recessione''. Emiliano Brancaccio: ''La politica monetaria ha esaurito il suo potenziale di espansione'', avverte il professore di Politica economica

di Salvatore Cannavò
L’economia internazionale è in subbuglio, c’è in corso una guerra delle valute, innescata da Donald Trump, ma soprattutto, nota Emiliano Brancaccio professore di Politica economica all’Università del Sannio, recente autore de Il discorso del potere, “c’è davvero il rischio di una nuova, forte, recessione globale il prossimo anno”.

La previsione per il futuro deve farci preoccupare?
Tra i previsori istituzionali comincia a emergere una certa inquietudine circa la possibilità che il 2020 rappresenti l’anno della prima vera recessione negli Stati Uniti dopo la grande crisi del 2008. Recessione causata dal fatto che l’espansione degli anni passati è stata trainata da un boom del mercato azionario solo parzialmente giustificato dalla crescita dei dividendi. Quindi, trainato dall’ennesima bolla speculativa.

E come si è riformata questa bolla?
Il mercato finanziario americano, e non soltanto, è stato inondato di liquidità destinata al settore privato proprio allo scopo di rilanciare i prezzi dopo il crollo del 2008. Tutta questa liquidità è finita nelle casse di quei soggetti definiti rialzisti. La crescita di questi anni è stata sostenuta da questo meccanismo. Un meccanismo vecchio che è stato esasperato.

Ma perché è avvenuto?
Gli Stati Uniti non riescono a far rientrare il proprio disavanzo commerciale verso l’estero. Restano la più grande potenza politico-militare del mondo, ma il tallone d’Achille sul piano economico; un’economia più fragile di quanto si immagini. Le politiche protezionistiche che sono state avviate già prima di Trump a quanto pare non riescono o riescono molto lentamente a ovviare al problema.

Per questo Trump svaluta il dollaro?
Esattamente, anche se Trump interviene su tre fronti: il deprezzamento della valuta, l’abbattimento delle tasse e il protezionismo vero e proprio. Va però detto che, nonostante io pensi tutto il male possibile di Trump, la sua strategia è obbligata, è provocata da una causa di forza maggiore, perché gli Usa non riescono a ridurre il loro deficit verso l’estero. Questa precipitazione della politica americana, sempre più guerresca nei rapporti commerciali, è una necessità oggettiva del capitalismo americano in crisi di egemonia. Trump è solo la maschera di processi molto profondi.

Ma in questo gioco c’è allora la responsabilità dei Paesi che invece hanno un surplus commerciale?
Certo, i Paesi che si trovano in surplus commerciale non contribuiscono all’equilibrio e all’espansione economica. E non parlo tanto della Cina, quanto della Germania e dei Paesi europei che ne sono ormai diventati satelliti tecnico-produttivi. La composizione della domanda di merci in Germania è ormai fatta di esportazioni più che in ogni altro Paese del mondo.

Questa è una ragione anche della attuale dinamica negativa della produzione tedesca?
Sì, la Germania rallenta nel 2019 per via del ciclo mondiale perché è uno dei Paesi più dipendenti dall’economia mondiale. Ovviamente in Germania, e non solo, ci sono interessi prevalenti che preferiscono mantenere un orientamento votato all’esportazione, al forte contenimento dei salari e della domanda interna, accettando qualche recessione in più. Questo posizionamento consente di avere elevati profitti ed elevate possibilità di distruzione dei capitali minori. I capitali maggiori resistono alle recessioni e i più deboli vengono acquisiti o spazzati via. E magari permettono qualche affare a prezzo di saldo.

Se la debolezza è soprattutto negli Usa, quale è la ragione?
Al tempo di Obama emerse una ferma intenzione a far sì che l’intervento pubblico Usa di reazione alla crisi non assumesse un carattere “socialista”. Così si espresse allora l’establishment, riferendosi a un massiccio intervento pubblico in economia. Si ampliò il deficit pubblico, fino al 10 per cento del Pil, ma non con l’obiettivo di espandere l’intervento dello Stato, ma di far risalire i prezzi azionari. E questo è avvenuto in modo abbastanza semplice: lo Stato e la banca centrale hanno acquistato titoli a mani basse fin quando i titoli hanno cominciato a crescere. Se nella prima fase si è fatta spesa pubblica keynesiana in stretto senso, poi la liquidità è stata dirottata sui mercati.

Draghi ha fatto lo stesso?
Assolutamente sì. Anzi, se negli Usa c’è stato un dibattito sulla minaccia socialista, in Europa la Bce è intervenuta a sostegno dei titoli di Stato solo a condizione di politiche restrittive.

Eppure si va avanti con la stessa politica.
La politica monetaria ha però esaurito il suo potenziale di espansione. I tassi, quando raggiungono lo zero, non possono andare sotto zero più di tanto. La politica monetaria, come avvertiva Keynes, non ce la può fare da sola a governare la “bestia” del capitale. Questo limite lo stiamo ora toccando con mano.

Cosa si può fare?
Se la politica monetaria non ce la fa, arriva la recessione. Se non ci sono le condizioni per un rilancio della spesa e degli investimenti pubblici, rischiamo di doverci  abituare a una oscillazione del capitalismo con un alternarsi di cicli di sviluppo e di crisi molto più accentuato di quelli registrati nella seconda metà del ‘900. Il capitalismo privo di moderazione rischia di essere molto più instabile di quanto ci siamo abituati. Un’instabilità che non è solo economica ma anche politica, e che rischia di pregiudicare ulteriormente quel che resta degli istituti democratici del Novecento.

Tratto da: Il Fatto Quotidiano

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa