Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Agrigento: 24 anni e sei mesi di carcere per il torturatore del lager libico

Rassegna Stampa

Agrigento: 24 anni e sei mesi di carcere per il torturatore del lager libico

Il nigeriano Deji Gift, il migrante che dopo essere stato carcerato divenne il più feroce dei torturatori nel “ghetto di Alì” condannato per una lunga serie di reati
di Francesco Patane'
Ventiquattro anni e sei mesi per il migrante che dopo essere stato carcerato divenne il più feroce dei torturatori nel “ghetto di Alì”, il più grande lagher del sud della Libia, punto di passaggio per le centinaia di migliaia di migranti che cercano di raggiungere le coste della Libia. La corte d’Assise di Agrigento ha riconosciuto Deji Gift, nigeriano di 23 anni, colpevole di associazione a delinquere di carattere transnazionale finalizzata a tratta di esseri umani, sequestro di persona, violenza sessuale, lesioni personali gravissime, omicidio aggravato e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Per lui, considerato uno dei tre carcerieri del ghetto, i pubblici ministeri Giorgia Spiri e Geri Ferrara avevano chiesto 21 anni di reclusione. Gift Deji, detto "Sofi", fu arrestato dalla squadra mobile di Agrigento al Cara Sant'Anna di Isola di Capo Rizzuto: secondo il magistrato della Dda, il nigeriano "riconosciuto senza alcun dubbio dalle sue vittime", sarebbe stato uno dei componenti della cellula di criminali e torturatori che operavano in Libia all'interno del ghetto. “Gift Deji - ha detto Giorgia Spiri nella sue requisitoria - era uno dei prigionieri ma ha accettato di diventare un torturatore, un componente dell'organizzazione in cambio di un viaggio gratis. La sua non è stata una scelta obbligata, altri si sono rifiutati".

Nella fortezza dove i migranti, in attesa di intraprendere la traversata in mare per le coste italiane, venivano privati della libertà e torturati per estorcere loro denaro, Deji avrebbe torturato con scariche elettriche, bastonate e colpi di pistola in testa i prigionieri che, se nessuno di amici e familiari provvedeva al pagamento, venivano poi picchiati a morte. I suoi due compagni di torture erano Jhon Ogais, 25 anni nigeriano conosciuto da migliaia di migranti con il soprannome di “Rambo”, e Sam Eric Ackom, ghanese di 21 anni nome di battaglia “Fanti”, condannati a dicembre all’ergastolo con rito abbreviato dal gup di Palermo.

palermo.repubblica.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa