Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Argentina: Corte Suprema conferma, Kirchner sara' processata

Rassegna Stampa

Argentina: Corte Suprema conferma, Kirchner sara' processata

kirchner cristina c imagoeconomica

Per l'accordo con Iran per inchiesta su attentato antiebraico

Buenos Aires. La Corte Suprema argentina ha confermato la messa sotto processo dell'ex presidente Cristina Fernandez de Kirchner per l'accordo firmato dal suo governo con l'Iran riguardo all'inchiesta giudiziaria sull'attentato contro l'associazione ebraica Amia a Buenos Aires, nel 1994, nel quale persero la vita 85 persone.
Con voto unanime, i cinque magistrati dell'Alta Corte hanno respinto un ricorso presentato dagli avvocati di Kirchner, dopo che anche la Cassazione Federale aveva bocciato una loro richiesta, valutando che in assenza di una sentenza definitiva la Corte Suprema non deve intervenire nel caso.
Kirchner è imputata per occultamento di prove e abuso d'ufficio, insieme al suo ex capo dell'intelligence Oscar Parrilli e altri imputati, a causa del memorandum firmato nel gennaio di 2013 con il governo di Mahmud Ahmadinejad, in base al quale i dirigenti iraniani accusati di aver organizzato l'attentato contro l'Amia, insieme a Hezbollah, sarebbero stati interrogati dalla giustizia argentina in Iran.
L'accordo non fu mai applicato, giacché il Parlamento di Teheran non lo ratificò e fu dichiarato incostituzionale in Argentina, ma il pm incaricato dell'inchiesta sull'attentato contro l'Amia, Alberto Nisman, denunciò l'allora presidente Kirchner, sostenendo che lo aveva negoziato per garantire l'impunità agli imputati iraniani. Quattro giorni dopo la sua denuncia, Nisman fu trovato morto nel suo appartamento di Buenos Aires, ucciso da uno sparo alla testa, in circostanze che non sono mai state chiarite.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Cristina Fernández a processo. E dopo?

L'assassinio in Argentina del giudice Alberto Nisman

Svolta nel caso Nisman: “Il giudice voleva arrestare la presidente Kirchner”

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa