Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa World news Video - Omicidio giornalista Kuciak, ministro Interno si dimette travolto dalle proteste

Rassegna Stampa

Video - Omicidio giornalista Kuciak, ministro Interno si dimette travolto dalle proteste

Venerdì scorso 50mila persone hanno manifestato a Bratislava contro il governo socialdemocratico guidato da Robert Fico. Kalinak ha mentito sui rapporti del Governo con gli italiani sospettati, arrestati e poi rilasciati, di avere avuto un ruolo sull'assassinio del giornalista
di Giuliano Foschini
Roma. L'omicidio del giornalista slovacco Jan Kuciak apre ufficialmente la crisi di governo in Slovacchia. Stamattina il ministro dell'Interno Robert Kalinak si è dimesso, travolto dalle rivolta di piazza: venerdì 50 mila persone avevano manifestato a Bratislava contro il governo socialdemocratico guidato da Robert Fico.

Kalinak ha mentito sui rapporti del Governo con gli italiani, sospettati (arrestati e poi rilasciati) di avere avuto un ruolo sull'omicidio Kuciak: Repubblica aveva documentato come il governo slovacco sapesse - sulla base di un'informativa della Dia del 2014 - dei rapporti di Antonino Vadalà, il calabrese trapiantato a Bratislava da dieci anni, con alcune famiglie 'ndranghetiste calabresi. Di più, gli stessi slovacchi avevano sospettato che Vadalà avesse creato una 'ndrina in Slovacchia attraverso la quale aveva cominciato a gestire milioni e milioni di euro di foni europei.



Vadalà era entrato poi in affari con persone vicine al premier Fico, poi costrette alle dimissioni, come aveva raccontato Kuciak, giornalista di Aktuality, nella prima parte dell'inchiesta che aveva consegnato prima di essere ammazzato il 22 febbraio insieme con la sua fidanzata.

Le indagini sulla morte di Kuciak sembrano andare al rallentatore e la famiglia, proprio per mancanza di fiducia nei confronti del Governo, che fossero sovraintese da una polizia e un organismo internazionale. Vadalà è libero e sta rilasciando alcune interviste ai giornali locali nelle quali attacca e minaccia ripetutamente Repubblica. "Hanno detto il falso su di me" ha detto. "Ne pagheranno le conseguenze". Sostiene ci sia stato uno scambio di persona.

"La Direzione investigativa antimafia si riferiva a un mio omonimo". Invece l'informativa che la Dia ha inviato tre anni fa alla polizia slovacca è proprio su di lui: Antonino Vadalà, nato il 20 aprile del 1975. Kalinak lo sapeva e per questp non ha potuto che dimettersi. "Lo faccio - ha detto - per salvaguardare la stabilità politica del paese".

repubblica.it

Foto © Reuters/Radovan Stoklasa

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...

I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa