Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia 'Ndrangheta: atti Fenice, l'unione Carmagnola-Sant'Onofrio

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: atti Fenice, l'unione Carmagnola-Sant'Onofrio

di AMDuemila
Nuovi elementi sui rapporti fra la località piemontese di Carmagnola (Torino) e quella calabrese di Sant'Onofrio (Vibo Valentia) entrano agli atti del processo di 'Ndrangheta chiamato Fenice, celebrato dal tribunale di Asti.
Nella giornata di ieri la Dda di Torino ha prodotto un carteggio - prelevato nel corso dell'indagine - per raccontare proprio gli stretti legami fra le due cittadine sanciti anche formalmente nel 2008 da un protocollo di intesa per realizzare iniziative "sociali, culturali, turistiche, sportive, folkloristiche ed enogastronomiche". La tesi dell'accusa è che a Carmagnola, dove vive una folta comunità di persone di origini calabresi, sia stata formata una locale della 'Ndrangheta riconducibile alla 'ndrina dei Bonavota di Sant'Onofrio. Carmagnola è stata la prima città piemontese in cui si è svolta, nel 2003, la processione dell'Affruntata, antica rappresentazione religiosa che a Sant'Onofrio viene proposta il giorno di Pasqua. Il processo Fenice (alla scorsa udienza unito a un altro di nome Carminius) conta 31 imputati fra cui Roberto Rosso, ex assessore regionale in Piemonte, chiamato a rispondere di un presunto episodio di voto di scambio. Rosso, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, ieri era presente in aula.

Fonte: Ansa

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

Nel carcere taubatè di San Paolo i detenuti...

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Saverio Lodato, uno dei più qualificati osservatori e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa