Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Processo Aemilia, sostituto Pg Musti: ''Gangsterismo societario e 'familismo'''

Rassegna Stampa

Processo Aemilia, sostituto Pg Musti: ''Gangsterismo societario e 'familismo'''

di AMDuemila
Continua il maxi processo d’appello Aemilia che si sta svolgendo nell’aula bunker del carcere bolognese della Dozza. Il sostituto procuratore generale Lucia Musti in udienza ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per Graziano Schirone, imputato per violazione delle leggi sulle armi, mentre un altro rappresentante della pubblica accusa, Valter Giovannini, ha affrontato la posizione di Maria e Giuseppe Curcio, moglie e suocero di Giuseppe Giglio, imprenditore ritenuto un personaggio chiave negli affari delle cosche in Emilia e poi divenuto un importante collaboratore di giustizia; e poi Antonio Giglio e Francesco Giglio, rispettivamente fratello e padre dell'imprenditore, già processato in abbreviato. Si tratta di imputati condannati per il reato di interposizione fittizia societaria tendente a nascondere la reale riferibilità proprio a Giuseppe Giglio. Giovannini ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado per tutti, affermando che le prove della consapevolezza a delinquere vanno ricercate "nel 'familismo' da valutare come tendenza a considerare la famiglia intesa come sistema di parentele legate fortemente da un vincolo di solidarietà sempre prevalente sui diritti altrui, ivi compresi quelli della collettività”. In questo contesto, ha aggiunto, "sono stati commessi reati economici di natura predatoria e con forme di vero e proprio gangsterismo societario".

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa