Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Depistaggio via d'Amelio, le vittime si oppongono ad archiviazione pm Messina

Rassegna Stampa

Depistaggio via d'Amelio, le vittime si oppongono ad archiviazione pm Messina

di AMDuemila
Gli avvocati dei soggetti che furono ingiustamente condannati per la strage di via d'Amelio a causa delle dichiarazioni del falso pentito Vincenzo Scarantino hanno presentato ufficialmente opposizioni alla richiesta di archiviazione della Procura di Messina dell'inchiesta nei confronti dei magistrati Annamaria Palma e Carmelo Petralia, in merito al depistaggio dell'indagine sulla strage di via D'Amelio che aveva al centro la gestione del pentito Vincenzo Scarantino. L'accusa nei loro confronti era di concorso in calunnia aggravata dall'avere favorito Cosa nostra.
L'opposizione è stata presentata all'ufficio del gip di Messina dagli avvocati Rosalba Di Gregorio e Gaetano Scozzola, difensori delle parti civili riconosciute nell'indagine sugli ex pm di Caltanissetta.
Un impulso all'inchiesta fu dato dal ritrovamento di 19 bobine di registrazioni telefoniche, in cui i due - all'epoca titolari dell'indagine sulla Strage di via d'Amelio, in cui fu ucciso il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti della scorta - parlavano con Vincenzo Scarantino, che già all'epoca cercò di ritrattare le sue dichiarazioni.
Secondo la Di Gregorio, che difende Giuseppe La Mattina, Gaetano Murana e Cosimo Vernengo, "la procura di Messina ha 'letto' gli atti assunti e acquisiti rifuggendo da una analisi di insieme e privilegiando la parcellizzazione, l'atomizzazione degli atti medesimo". I legali (l'avvocato Scozzola rappresenta il boss Gaetano Scotto, nel frattempo tornato in carcere) chiedono al gip di Messina "un'ordinanza per la formulazione di imputazione" nei confronti dei due magistrati indagati, ma in alternativa si chiede che la Procura di Maurizio De Lucia "prosegua le indagini". A partire da un "confronto tra Luigi Li Gotti (storico avvocato ndr) e i pubblici ministeri oggi indagati, nonché il dottor Nino Di Matteo, sull'incontro e il confronto con Marino Mannoia e sulle circostanze riferite in ordine al giudizio, palesato, su Scarantino".
Inoltre la legale palermitana ha chiesto un confronto: "L'esame di Giovanni Guerrera e Pietro Giovanni Guttadauro sui 'colloqui investigativi' del luglio '94 a Pianosa, oltre 'all'acquisizione attività di indagini depositate a Caltanissetta sulle intercettazioni', 'l'attività d'indagine su Vincenzo Pipino' e il confronto tra 'l'avvocato Santi Foresta (ex legale di Scarantino) e i magistrati Petralia, Palma e (Francesco Paolo) Giordano".

Fonte: AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

LE MENTI DEL DOPPIO STATO

by Mario José Cereghino, Giovanni Fasanella

L’inchiesta condotta dagli autori, basata su anni di...

L'AMORE NON BASTA

L'AMORE NON BASTA

by Luigi Ciotti

Don Luigi Ciotti parla di se stesso attraverso...


CRISI DI CIVILTA'

CRISI DI CIVILTA'

by Noam Chomsky, C. J. Polychroniou

Gli interventi del grande linguista sulla pandemia.«Il più...

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...


INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa