Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Coronavirus: nuovo stop per i processi, sino a maggio

Rassegna Stampa

Coronavirus: nuovo stop per i processi, sino a maggio

Garantite le urgenze. Bonafede, tuteliamo la salute degli utenti
Roma. Arriva un nuovo stop per la giustizia. Il Consiglio dei ministri ha deciso la proroga della sospensione di tutti i processi, che sarebbe dovuta terminare il 15 aprile, secondo quanto stabilito dal decreto Cura Italia. Il nuovo termine e' l'11 maggio. Un provvedimento sollecitato nei giorni scorsi dall'Associazione nazionale magistrati, che aveva prospettato il rischio, con la piena riapertura dei palazzi di giustizia, di esporre migliaia di persone al contagio da Coronavirus. Un pericolo tanto piu' grave, secondo il sindacato delle toghe, vista "l'assenza di dispositivi e misure di protezione". L'allarme e' stato evidentemente condiviso dal governo, che su proposta del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, ha deciso di prorogare lo stop a tutti i processi. "Abbiamo valutato di attuare questa misura, sentiti anche gli addetti ai lavori, per tutelare la salute di tutti gli utenti della giustizia ed essere pronti a ripartire", ha spiegato il Guardasigilli, Alfonso Bonafede. Restano le eccezioni gia' previste dal Cura Italia. Nel settore penale sono assicurate le udienze di convalida di arresto e fermo e i processi con imputati detenuti se sono loro a chiedere. Nel settore civile si celebrano le udienze urgenti che riguardano minorenni e rapporti familiari. Intanto il Csm con una delibera approvata nell'ultima riunione del plenum ha chiesto al ministro della Giustizia di assicurare "con la massima tempestivita' e continuita'", gli strumenti necessari e l'assistenza tecnica necessaria al lavoro da remoto anche del personale amministrativo. Ed e' tornato a porgli una questione che ha gia' messo sul tavolo da tempo: valutare le modifiche delle norme processuali necessarie a favorire, nella fase emergenziale, l'utilizzabilita' nei procedimenti civili e penali, comprese le camere di consiglio, delle modalita' di svolgimento da remoto. Una prospettiva che preoccupa l'Unione delle camere penali, gia' in allarme per un emendamento della maggioranza al decreto Cura Italia che estende fino al 30 giugno le gia' eccezionali disposizioni in tema di celebrazione a distanza dei procedimenti penali con gli imputati detenuti che ne facciano richiesta, anche ai procedimenti con imputati liberi. E che consente che siano celebrate udienze "nelle quali non siano presenti in aula non gia' piu' solo gli imputati, ma addirittura gli avvocati, i pubblici ministeri ed i Giudici, che potrebbero dunque ascoltare ed esaminare consulenti e parti processuali da casa propria". Prevedere fino al 30 giugno, "in una fase di superamento del picco epidemiologico, di allontanare dall'aula anche giudici, pubblici ministeri ed avvocati, ed i giudici di un collegio tra di loro" e' un'"assurdita' inspiegabile", ha denunciato il presidente Giandomenico Caiazza con una lettera al ministro della Giustizia, esprimendo un netto no a "misure destinate a stravolgere il processo e a violarne le regole basilari piu' sacre". Nessuna decisione del Consiglio dei ministri invece sulla richiesta, ancora dell'Anm, di differire l'entrata in vigore della nuova disciplina delle intercettazioni: uno slittamento necessario, secondo il sindacato dei magistrati, visto che la riforma richiede un insieme di misure organizzative tecnologicamente complesse, "impossibili da adottare e attuare entro il termine a oggi previsto".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa