Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Commissione Csm: vota a maggioranza Cantone come nuovo procuratore capo Perugia

Rassegna Stampa

Commissione Csm: vota a maggioranza Cantone come nuovo procuratore capo Perugia

di AMDuemila
L’ex presidente dell'Anac Raffaele Cantone potrebbe diventare il nuovo procuratore capo di Perugia. La sua nomina è stata proposta dalla maggioranza della Commissione direttivi del Csm. Ma la partita è ancora aperta, visto che c’è un candidato di minoranza, Luca Masini, procuratore aggiunto a Salerno e che uno dei sei componenti della Commissione si è astenuto. Cantone, attualmente in servizio al Massimario della Cassazione, ha ottenuto 3 voti: lo hanno sostenuto il presidente della Commissione Direttivi Mario Suriano (Area), Alberto Benedetti (M5S) e Michele Cerabona (Fi). Piercamillo Davigo (Autonomia e Indipendenza) e Loredana Micciché (Magistratura Indipendente) hanno invece votato per Masini, che ora è il reggente della procura di Salerno. Si è astenuto il consigliere Marco Mancinetti di Unicost. Adesso, i due nominativi andranno sul tavolo del Guardasigilli Alfonso Bonafede che dovrà dare il suo parere. Poi, non appena saranno pronte le motivazioni della scelta, si terrà il plenum per la nomina.
La procura umbra è una delle più rilevanti del Paese, anche per il fatto che è quella competente a pronunciarsi su eventuali procedimenti riguardanti magistrati del distretto romano: per questo, a Perugia è ancora in corso l'inchiesta che ha scatenato la 'bufera' che, tra la primavera e l'estate dello scorso anno, ha sconvolto la magistratura, e che ha portato alla sospensione in via disciplinare del pm di Roma Luca Palamara, indagato per corruzione, alle dimissioni di cinque togati del Csm e al pensionamento anticipato dell'allora procuratore generale della Cassazione Riccardo Fuzio.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa