Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Favori al Comune di Palermo, confermato arresto dei 3 indagati

Rassegna Stampa

Favori al Comune di Palermo, confermato arresto dei 3 indagati

La decisione del Tribunale del Riesame sull'operazione "Giano bifronte"
di AMDuemila
Il Tribunale del riesame di Palermo ha confermato le misure cautelari nei confronti di tre degli indagati dell'inchiesta "Giano bifronte", sulla Corruzione nelle speculazioni edilizie al Comune di Palermo. Rimarranno agli arresti domiciliari l'ingegnere Mario Li Castri, ex dirigente dell'amministrazione guidata da Leoluca Orlando, il consigliere comunale di Italia viva Sandro Terrani e il costruttore Giovanni Lupo, titolare della impresa Biocasa. Addirittura il collegio, presieduto da Stefania Brambille, ha aggravato la posizione nei confronti di Terrani e Lupo, riconoscendo la Corruzione "propria", cioè per un atto contrario ai doveri d'ufficio e non quella "impropria", contestata nell'ordinanza firmata dal gip. Il primo giudice si era cioè convinto che l'esponente politico si fosse comportato in maniera conforme ai doveri d'ufficio e che avesse ricevuto una sorta di regalo, consistito nell'affidamento di un incarico lavorativo a una sua cara amica. Diversamente il tribunale ha ritenuto che la calendarizzazione delle delibere per l'esecuzione dei programmi costruttivi che stavano a cuore alla cricca non rientrasse fra le competenze di Terrani.
Nei giorni scorsi lo stesso tribunale del riesame aveva rigettato anche il ricorso di un altro indagato, l'altro consigliere comunale Giovanni Lo Cascio, già capogruppo del PD e presidente della commissione urbanistica, che si è dimesso dopo l'arresto.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...


PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

UN APPASSIONATO DISINCANTO

UN APPASSIONATO DISINCANTO

by Antonio Bonagura

La vita in maschera di un uomo dei...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa