Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: chiesti 16 anni per due tentati omicidi nord barese

Rassegna Stampa

Mafia: chiesti 16 anni per due tentati omicidi nord barese

Bari. La Procura di Bari ha chiesto la condanna alla pena di 16 anni di reclusione per il pregiudicato di Trinitapoli (Bat) Francesco Casalino, imputato per il duplice tentato omicidio dei pregiudicati Michele Buonarota e Michele Straniere, avvenuto il 10 maggio 2014 nell'ambito della guerra tra i clan rivali Carbone-Gallone e Miccoli-De Rosa per il controllo delle attivita' illecite nella citta' del nord barese. Stando alle indagini coordinate dalla pm della Dda di Bari Lidia Giorgio, Casalino, in concorso con persone non ancora identificate, avrebbe ferito le due vittime con diversi colpi di fucile, non riuscendo ad ucciderli perchè i due prima fuggirono a bordo di un'auto e poi a piedi nelle campagne alla periferia di Trinitapoli. Alla identificazione di Casalino, gli inquirenti sono arrivati grazie a tracce di dna trovate su un berretto con visiera abbandonato dal sicario sul luogo dell'agguato. La Dda contesta all'imputato le aggravanti della premeditazione e del metodo mafioso. Per la Procura c'è su quel territorio "una spessa coltre di omerta'" e una "condizione di assoggettamento tale che risulta difficile penetrare l'incancrenita corteccia di riluttanza alla collaborazione da parte delle vittime e della popolazione in generale". La Dda evidenzia inoltre "l'attualita' della scia di sangue tra i due clan", ricordando l'omicidio di Pietro De Rosa, avvenuto a Trinitapoli il 20 gennaio 2019, in una "spirale di vendette che risale indietro negli anni e che non accenna ad esaurirsi". Il processo si sta celebrando con il rito abbreviato. La sentenza è prevista per il 21 febbraio.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

ANCHE PER GIOCARE SERVONO LE REGOLE

by Gherardo Colombo

La grande avventura della Costituzione nel racconto dell'ex...

LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

Lorenzo ha quindici anni, frequenta la seconda liceo...


DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa