Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Operazione ''Kerkent'': chiesto rinvio a giudizio per 35 persone coinvolte nella maxi inchiesta

Rassegna Stampa

Operazione ''Kerkent'': chiesto rinvio a giudizio per 35 persone coinvolte nella maxi inchiesta

35enne finisce ai domiciliari con la misura del braccialetto elettronico
di AMDuemila
I sostituti procuratori della Dda di Palermo Claudio Camilleri e Pierangelo Padova hanno chiesto il rinvio a giudizio nei confronti di 35 persone coinvolte nella maxi inchiesta “Kerkent” - eseguita dalla Dia di Agrigento guidata dal vicequestore Roberto Cilona - che nello scorso marzo fece luce sull’ascesa della famiglia mafiosa di Agrigento di Antonio Massimino che, secondo l’accusa, sarebbe stato al vertice di un’associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il 27 gennaio inizierà prima udienza preliminare davanti il gup del Tribunale di Palermo Fabio Pilato. Inoltre il giudice per l’indagine preliminare del Tribunale di Palermo Claudia Rosini, in accoglimento dell’istanza avanzata dagli avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto, ha disposto la sostituzione della misura cautelare in carcere con quella dei domiciliari con la misura del braccialetto elettronico per il 35enne Giuseppe Tornabene, nella stessa operazione. Il gip di Palermo ha motivato la decisione affermando che le esigenze cautelari sono notevolmente affievolite e, dunque, la misura cautelare può essere sostituita.
L’accusa ritiene che il 35enne farebbe parte del sodalizio criminale capeggiato dal boss Antonio Massimino (attualmente detenuto in regime di carcere duro).

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa