Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Vittoria del mensile siciliano ''S'' contro querela temeraria

Rassegna Stampa

Vittoria del mensile siciliano ''S'' contro querela temeraria

di Rino Giacalone
Ricordate l’inchiesta “Tempa Rossa” o detta anche “Petrolio”, condotta dalla Procura di Potenza alcuni anni addietro?

Uno dei filoni di quell’inchiesta, che era arrivata fin dentro certi affari in Basilicata e dentro alcune stanze del Governo, da un’altra parte era arrivata in Sicilia, soffermandosi su quanto accadeva all’Autorità Portuale di Augusta.

Su questi accadimenti lavorarono da bravi giornalisti d’inchiesta un paio firme del mensile siciliano “S”, il direttore responsabile Antonio Condorelli e il giornalista Saul Caia, bravo a seguire diverse piste. Un lavoro ricco e complesso, dal quale scaturì fuori uno speciale pubblicato nel 2016.

Condorelli e Caia, furono querelati da Alberto Cozzo, oggi ex commissario dell’Autorità Portuale di Augusta. Adesso il giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Palermo, Guglielmo Nicastro, ha archiviato la denuncia. Il giudice ha ritenuto quel tipo di informazione corretta e indispensabile.

Durante il procedimento la Procura di Palermo aveva chiesto l’archiviazione, ma Alberto Cozzo, assistito dall’avvocato Dario Pastore, aveva fatto opposizione. Nel 2016, il mensile “S” pubblicò uno speciale dal titolo “Gemelli d’oro”, curato da Saul Caia, sui rapporti tra Gianluca Gemelli, compagno dell’ex ministro Federica Guidi, Ivan Lo Bello, ex leader di Confindustria e Alberto Cozzo: erano indagati nel procedimento “Tempa Rossa”, poi archiviato, della Procura di Potenza.

Cozzo aveva ritenuto diffamatoria una frase, riportata all’interno dello speciale: “Nel corso della gestione commissariale Cozzo, avrebbe favorito alcuni gruppi con i quali, in passato, sarebbe stato in contatto professionale. Avrebbe modificato la concessione rilasciata nel febbraio 2013 alla Poseidon Scarl, per l’utilizzo di 8mila metri cubi del suolo demaniale marittimo per lo stoccaggio merci ed eventuali container o colli da imbarcare, che prevedeva una scadenza nel 2017, ma che il neo commissario avrebbe esteso per la durata di 15 anni. Inoltre avrebbe inserito una clausola che riduce il canone di concessione del 50%. Una carezza fatta a un’azienda di cui Cozzo sarebbe stato legale per oltre due anni, incarico al quale aveva rinunciato, però, prima della nomina ministeriale a commissario straordinario del porto di Augusta”.

Cozzo ha sottolineato di aver agito correttamente, segnalando al responsabile Ufficio del Demanio e al responsabile Anticorruzione, di essere “in conflitto di interessi” e di aver firmato le delibere, al centro del servizio giornalistico, “non in beata solitudine”, ma in seguito a delibera adottata da un organo collegiale, il Comitato Portuale.

Altro punto al centro della denuncia era il presunto intervento di Cozzo “in favore della Isia di Leto”, altra impresa che ha operato nel porto di Augusta. Cozzo ha opposto che tale impresa non avrebbe mai lavorato nella struttura siracusana, ma “dalla consultazione del sito web ufficiale dell’impresa – scrive il giudice – emerge al contrario che la stessa aveva intrattenuto dei rapporti commerciali con l’autorità portuale di Augusta, occupandosi di preparare la documentazione tecnica e amministrativa con il produttore, Ilva, etc…”.

A favore dei giornalisti querelati il Gip ha rilevato che “nel caso di specie può operare la causa di giustificazione del legittimo esercizio del diritto di cronaca, sussistendo i requisiti della verità della notizia pubblicata, della continenza e dell’interesse pubblico all’informazione”.

“Quanto al requisito della continenza – si legge nella decisione – valutato l’articolo nella sua globalità, può apprezzarsi, da un punto di vista logico formale, il reiterato utilizzo da parte dell’estensore del condizionale e il ricorso a modalità verbali che mai trascendono in linguaggio offensivo, dall’altro venivano impiegate formule espositive neutre”.

“Il provvedimento del tribunale – commenta l’avvocato Marcello Montalbano esperto delle tematiche legate al diritto dell’informazione e al giornalismo d’inchiesta, difensore dei due giornalisti e legale di fiducia del gruppo editoriale Novantacento del quale fa parte il mensile S – nel solco della giurisprudenza più attenta alla tutela del diritto dei cittadini ad essere informati dei fatti di rilievo per la vita di una comunità, riconosce ampia tutela al giornalismo d’inchiesta quale effettivo strumento volto alla diffusione di fatti di rilevo pubblico”.

liberainformazione.org

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa