Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Giustizia: Anm, necessario ripartire da fiducia cittadini dopo bufera che ha investito Csm

Rassegna Stampa

Giustizia: Anm, necessario ripartire da fiducia cittadini dopo bufera che ha investito Csm

GENOVA. E' necessario "ripartire dalla fiducia": da qui "l'impegnativo titolo del Congresso: e' 'In nome del popolo italiano' che i magistrati agiscono". Lo ha detto, richiamando le parole del Capo dello Stato nel plenum del Csm il 21 giugno, il presidente dell'Anm Luca Poniz nel discorso d'apertura del 34^ congresso dell'associazione che si tiene a Genova. "Fiducia nel senso che i cittadini, in nome dei quali la giurisdizione viene amministrata, riconoscano 'i giudici come garanti dei loro diritti' - ha detto Poniz -, cio' a cui e' strettamente funzionale l'indipendenza a noi garantita dalla Costituzione e cio' che rimanda al loro lavoro quotidiano e alla quotidianita' del rapporto con i cittadini e gli operatori di Giustizia". La fiducia "si conquista e si riconquista - ha sottolineato Poniz - anche con apertura e disponibilita' al confronto e alla critica, con l'attenzione alla societa' civile e disponibilita' sincera al cambiamento. Ci e' sembrato irrinunciabile scegliere temi collegati alla crisi che abbiamo vissuto - ha detto facendo riferimento al 'caso Palamara' e alla bufera che si e' abbattuta sul Csm e sull'intera categoria - e che come Anm abbiamo cercato di affrontare assumendoci l'onerosa responsabilita' di interventi, scelte e proposte. Da qui la nostra riflessione sui cardini di giurisdizione, imparzialita' e neutralita' come principi dell'essenza e dell'apparenza del giudizio, ove si materializza il complesso rapporto tra persone, potere e legge e dove si decidono i destini delle persone".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA NOTTE DELLA CIVETTA

LA NOTTE DELLA CIVETTA

by Piero Melati

Leonardo Sciascia pubblicò "Il giorno della civetta" nel...

INTORNO A PEPPINO

INTORNO A PEPPINO

by Salvo Vitale

Peppino Impastato, assassinato a trent'anni dai mafiosi di...


LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

LA SCOPERTA DI COSA NOSTRA

by Gabriele Santoro

Questa è la storia di un mafioso e...

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

PAPA FRANCESCO. LA DITTATURA DELL'ECONOMIA

edited by Ugo Mattei

"Così come il comandamento 'non uccidere' pone un...


COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...

LO STATO ILLEGALE

LO STATO ILLEGALE

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

La mafia è storia di un intreccio osceno...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa