Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia ''Isola Bella'', chiusa l'inchiesta della Dda di Catania

Rassegna Stampa

''Isola Bella'', chiusa l'inchiesta della Dda di Catania

Due clan rivali si spartivano estorsioni su escursioni in mare
di AMDuemila
Così come ha riportato questa mattina il quotidiano La Gazzetta del Sud la Procura di Catania ha chiuso le indagini sulla presunta estorsione da parte della Mafia sulle escursioni turistiche effettuate con le barche da diporto da piccoli imprenditori nel tratto di mare davanti all'Isola Bella di Taormina, sia a destra che a sinistra.
In totale sono 43 gli indagati dalla procura di Catania e accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, rapina, usura, intestazione fittizia di beni, trasferimento fraudolento di valori e spaccio di stupefacenti. Secondo l'accusa, i clan avrebbero messo le mani su un giro d'affari che d'estate era di circa 20 mila euro al giorno, costringendo gli esercenti a cedere quotidianamente una parte dei loro guadagni.
Dalle indagini emerse che i proventi delle estorsioni che il clan Cintorino, legato alla cosca Capppello, venivano condivisi con gli esponenti della 'famiglia' Santapaola-Ercolano che seppure rivali facevano affari insieme. Al centro dell'inchiesta indagini della Guardia di finanza di Catania, denominata appunto 'Isola Bella', contro il gruppo mafioso Cintorino attivo a Calatabiano e nel Messinese tra Giardini Naxos e Taormina, dove è dedito a traffico di droga, estorsioni e usura. L'operazione culminò lo scorso 18 giugno quando i militari militari delle Fiamme gialle hanno eseguito un'ordinanza cautelare nei confronti di 31 persone.
Tra i destinatari del provvedimento restrittivo risulta anche Mario Pace, storico componente del clan Cappello già condannato all'ergastolo, che, secondo l'accusa, durante i permessi premio organizzava summit, dava disposizione e ribadiva la propria egemonia nel sodalizio.

Fonte: ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

LE MAFIE SULLE MACERIE DEL MURO DI BERLINO

by Ambra Montanari, Sabrina Pignedoli

In Germania si pensa che le mafie siano...

THE IRISHMAN

THE IRISHMAN

by Charles Brandt

Il libro da cui è stato tratto il...


LA RETE DEGLI INVISIBILI

LA RETE DEGLI INVISIBILI

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

"Quella contro la 'ndrangheta è una battaglia che...

UN EROE BORGHESE

UN EROE BORGHESE

by Corrado Stajano

L'Italia degli anni settanta è l'Italia della loggia...


ECONOMIA DROGATA

ECONOMIA DROGATA

by Giorgio Malfatti di Monte Tretto

La criminalità organizzata dedita al narcotraffico ha portato...

GLI AGNELLI

GLI AGNELLI

by Antonio Parisi

Quando il conte Emanuele Cacherano di Bricherasio, insieme...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa