Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: Romeo risponde al gip e nega accuse corruzione

Reggio Calabria. Il consigliere del Pd Sebi Romeo, ai domiciliari con l'accusa di tentata corruzione nell'ambito dell'operazione "Libro Nero", ha risposto alle domande del gip del Tribunale di Reggio Calabria Domenico Armaleo negando le accuse che gli sono state rivolte. Romeo, in particolare, ha escluso di avere promesso alcunché al maresciallo della Guardia di finanza Francesco. Il capogruppo del Pd alla Regione Calabria, ora sospeso dal partito, secondo quanto emerso dall'indagine coordinata dalla Dda di Reggio Calabria avrebbe avvicinato ed incontrato di persona l'esponente politico allo scopo di rivelargli notizie riservate su attività di indagine che lo riguardavano, in cambio di favori personali. Il difensore di Romeo, l'avv. Natale Polimeni, ha presentato un'istanza di revoca della misura cautelare. Romeo, arrestato contestualmente nell'inchiesta contro la cosca Libri, come ha tenuto a specificare il procuratore Giovanni Bombardieri, non ha niente a che fare con i Libri.

ANSA