Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Processo Ubi: il pm Pelosi potrebbe essere costretto a lasciare

Rassegna Stampa

Processo Ubi: il pm Pelosi potrebbe essere costretto a lasciare

Il Csm impone affiancamento di un altro magistrato
di AMDuemila
La notizia non è di poco conto perché riguarda il processo Ubi Banca, che vede alla sbarra i vertici del Gruppo dirigente nonché il Presidente emerito di Banca Intesa Giovanni Bazoli, accusati di aver manovrato l’assemblea per far vincere il gruppo dei fondatori e aver tenuto nascosto a Banca d’Italia e Consob il patto occulto che a quel gruppo ha garantito finora la gestione dell’istituto.
Secondo quanto riportato ieri da Il Fatto Quotidiano il processo sarebbe ora a rischio perché il pm Fabio Pelosi, già da tempo trasferito a Pisa ma applicato al processo su richiesta del procuratore di Bergamo, Walter Mabelli (deceduto lo scorso aprile), potrebbe essere costretto dal Csm a lasciare.
Infatti proprio il Consiglio superiore della magistratura ha inviato una lettera a Maria Cristina Rota, che svolge le funzioni di procuratore, imponendo di affiancare a Pelosi un altro magistrato.
E per svolgere questo compito è stato scelto il pm Paolo Mandurino ma il ruolo di Pelosi è imprescindibile perché "mente storica" del dibattimento e unico a conoscere la totalità degli atti.
Secondo quanto riportato dal quotidiano Pelosi di fatto torna a Bergamo da Pisa un giorno a settimana, per presenziare all'udienza. I viaggi li paga di tasca sua. E se lavora a quel processo fuori dai giorni di udienza, usa giorni di ferie. La speranza è che la situazione possa risolversi.

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

"Quando, alle 10:25, da quella valigia si sprigionò...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

Lirio Abbate ci spiega perché la cattura di...


A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

Bernardo Provenzano, detto ’u Tratturi dai nemici, zu...

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

Dall’incontro con Rocco Chinnici, Falcone e Borsellino al...


PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

PAOLO BORSELLINO PARLA AI RAGAZZI

by Pietro Grasso

Una testimonianza civile per le nuove generazioni. Un...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

COSA NOSTRA S.P.A.

COSA NOSTRA S.P.A.

by Sebastiano Ardita

Nell'ultimo libro di Sebastiano Ardita il ritratto della...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa