Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: donna ferita per errore, condannato boss Barese

Rassegna Stampa

Mafia: donna ferita per errore, condannato boss Barese

Bari. Il gup del Tribunale di Bari Marco Galesi ha condannato alla pena di 6 anni di reclusione il boss di Bitonto Domenico Conte, accusato di concorso nel ferimento di una donna, colpita per sbaglio durante una sparatoria nell'ambito della guerra in corso tra clan rivali per il controllo dei traffici illeciti in città. L'esecutore materiale del ferimento, il pregiudicato Danilo Gentile, è stato condannato alla pena di 4 anni e 8 mesi di reclusione. Il boss Conte nelle scorse settimane è stato condannato a 20 anni di reclusione in qualità di mandante dell'agguato del 30 dicembre 2017 in cui rimase uccisa, per errore, l'83enne Anna Rosa Tarantino. Stando alle indagini dei Carabinieri, coordinate dai pm della Dda di Bari Ettore Cardinali e Marco D'Agostino, fu proprio nel corso di quella faida, il 14 marzo 2018, poco prima che il boss venisse arrestato per il delitto Tarantino, che dal tetto di un'abitazione egli ordino' di sparare e, anche questa volta per errore, venne colpita di striscio ad una gamba la 29enne estetista Angela Caldarola, che passava in quel momento. Il raid punitivo nel centro storico di Bitonto era stato organizzato con l'obiettivo di uccidere un esponente del clan rivale dei Cipriano, in risposta al ferimento di qualche settimana prima ai danni di due sodali del gruppo criminale capeggiato da Conte. Conte e Gentile, difesi dagli avvocati Pino Giulitto e Giancarlo Chiariello, rispondono dei reati di lesioni personali, detenzione e porto abusivo illegale di armi, spari in luogo pubblico, con l'aggravante mafiosa. La sentenza è stata emessa al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato nell'aula 'bunker' di Bitonto. 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa