Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Sostieni AntimafiaDuemila con Pay Pal

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Falcone: ex procuratore Lari, ''colmare buchi neri stragi di mafia''

Rassegna Stampa

Falcone: ex procuratore Lari, ''colmare buchi neri stragi di mafia''

Palermo. "Mi auguro che certi buchi neri sulle stragi di Capaci e via D'Amelio vengano colmati. Perché noi, soprattutto per quanto riguarda le indagini su via D'Amelio, ci siamo trovati in grandissima difficolta'. Non soltanto di ricostruire le tessere mancanti di un mosaico investigativo che ci siamo ritrovati ma anche di individuare le tessere false che qualcuno aveva inserito". Lo ha detto Sergio Lari, ex procuratore della Repubblica di Caltanissetta oggi in pensione, conversando con i giornalisti davanti al bunker del carcere Ucciardone dove si celebra il XXVII anniversario della strage di Capaci. E' proprio Lari - che coordinando le indagini nissene - ha bollato come "il più colossale depistaggio della storia" le investigazioni sulla strage di via D'Amelio in cui mori' il giudice Paolo Borsellino. "Non dimentichiamo che le indagini hanno stabilito che ben quattro collaboratori di giustizia - ha proseguito - che erano stati utilizzati nei processi Borsellino 1 e bis avevano detto il falso. Poi sono stati utilizzati nuovi collaboratori di giustizia ma alcuni punti oscuri, oggi invece so leggendo i giornali, sono oggetto di ulteriori investigazioni. Il mio auspicio è che su queste vicende si continui a investigatore fino in fondo". Una parola anche sulle polemiche legate alle presenze e alle assenze al bunker. "La lotta alla mafia è patrimonio di tutti. Non ci possono essere colorazioni politiche. La Fondazione Falcone non puo' scegliere chi invitare. I ministri fanno parte del parterre istituzionale che ogni anno e' stato invitato. Falcone diceva che le istituzioni prescindono dagli uomini - ha concluso - che temporaneamente le occupano, guai se oggi dovessimo, nella lotta alla mafia, distinguere in base al colore politico".

AGI

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL PEGGIO DI ME

IL PEGGIO DI ME

by Ismaele La Vardera

Cosa succede se il candidato sindaco di Matteo...

GASPARE MUTOLO

GASPARE MUTOLO

by Anna Vinci

“Sono un sopravvissuto. Sono la memoria orale della...


LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

LE MAFIE NELL'ECONOMIA LEGALE

by Rocco Sciarrone, Luca Storti

Le mafie continuano a prosperare sia nelle zone...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

SALVATORE CANCEMI: RIINA MI FECE I NOMI DI...

by Giorgio Bongiovanni

Le particolarità di questo libro 1. E’ la prima...


PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

PIAZZA FONTANA. IL PROCESSO IMPOSSIBILE

by Benedetta Tobagi

Il racconto rigoroso e appassionante del grande processo...

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa