Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Caso Ultra': Cassazione, confermate le condanne Alto Piemonte

Rassegna Stampa

Caso Ultra': Cassazione, confermate le condanne Alto Piemonte

'Ndrangheta e biglietti Juve, solo pochi annullamenti limitati
Roma. Sono state confermate quasi integralmente dalla Cassazione le condanne emesse nel luglio 2018 dalla corte d'appello di Torino per il processo Alto Piemonte sulle infiltrazioni della 'ndrangheta nel nord-ovest, compreso il business dei boss calabresi della cosca Bellocco-Pesce di Rosarno legato al bagarinaggio dei biglietti della Juventus. La Suprema Corte infatti ha disposto solo qualche limitato annullamento con rinvio, per l'appello bis, in relazione a singoli capi d'accusa per otto dei dodici imputati; fra questi l'ex capo della tifoseria bianconera Fabio Germani che, dopo essere stato assolto in primo grado, è stato condannato in appello a quattro anni, cinque mesi e dieci giorni di reclusione con l'accusa di aver 'introdotto' esponenti del clan nel giro dei biglietti. La posizione di Germani era l'unica per la quale il Pg della Cassazione nella sua requisitoria aveva dato disco verde all'accoglimento del ricorso.
In appello erano stati condannati in 14, ma in due hanno ritirato il ricorso alla Suprema Corte. Per vari reati che vanno dall'associazione a delinquere di stampo mafioso, alle armi e alle estorsioni, erano stati condannati in appello Antonio Agresta (2 anni), Giuseppe Avenoso (3 anni, 10 mesi e 10 giorni), Fabio Bruzzesi (3 anni e 4 mesi), Rocco Doninello (5 anni) e suo padre Saverio (8 anni e 8 mesi), Antonio Miccoli e Diego Raso (per entrambe, 13 anni e 2 mesi), Enrico Raso (8 anni e 8 mesi), Giovanni Raso classe 1963 (8 anni e 7 mesi e 10 giorni), Giovanni Raso classe 1967 (6 anni 11 mesi e 10 giorni), Giuseppe Sgrò (7 anni), oltre a Germani di cui si è detto. La sentenza d'appello ripercorreva la storia dei rapporti tra boss, tifoseria organizzata e dirigenza bianconera, sposando quasi integralmente la ricostruzione dei pm. Compreso il passaggio in cui Rocco Dominello chiede all'ex dg Beppe Marotta (mai indagato) di organizzare un provino per il giovane figlio di Umberto Bellocco. Era da "almeno dieci anni" (secondo il Pg torinese Marcello Tatangelo) che la 'ndrangheta aveva messo le mani sulla spartizione dei biglietti, ma a vincere la partita nel 2012, fu Rocco Dominello, che approfitto' di un "vuoto di potere" generato da un'ondata di arresti e, sfruttando l'amicizia di Germani. Le carte processuali hanno dipinto una Juventus quasi succube e "ben disposta a fornire ai gruppi ultras cospicue quote di biglietti e abbonamenti perché li rivendessero, ottenendo in contropartita l'impegno a non porre in essere azioni violente per spartirsi l'affare. Dominello garantiva l'equilibrio".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa