Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Aemilia: minacce a sindaco Reggio Emilia, due condanne

Rassegna Stampa

Aemilia: minacce a sindaco Reggio Emilia, due condanne

Ribaltata la sentenza di primo grado per legale e detenuto
Bologna. Con la pronuncia di due condanne a sei mesi ciascuno per minacce mafiose al sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, la Corte di appello di Bologna ribalta la sentenza di assoluzione di primo grado per il detenuto Pasquale Brescia e per l'avvocato Luigi Antonio Comberiati. La seconda sezione penale ha infatti giudicato i due imputati responsabili del reato a loro contestato, con l'aggravante del metodo mafioso: erano accusati per una lettera indirizzata al primo cittadino e recapitata l'1 febbraio 2016 all'edizione reggiana del Resto del Carlino. La lettera, inviata dal carcere dove si trovava Brescia perché arrestato nell'inchiesta di 'Ndrangheta Aemilia, per la Procura era un messaggio intimidatorio. Nello stesso processo, uno dei filoni secondari della maxi-inchiesta contro la criminalità organizzata calabrese infiltrata in Emilia, Brescia era stato condannato a cinque mesi e dieci giorni per un'altra imputazione.
La Corte ha riconosciuto solo a Comberiati i benefici di legge. Poi ha rideterminato la pena anche per altri imputati in questo processo: per Giuseppe Giglio, imprenditore ritenuto uno degli organizzatori della cosca e poi divenuto un importante collaboratore di giustizia, è stata riconosciuta la continuazione con la condanna nel processo principale e decisa una pena complessiva di sette anni e sei mesi. Rispondeva in questo giudizio trasferimento fraudolento di valori, cosi' come il fratello Giulio Giglio: anche per lui è stata riconosciuta la continuazione e decisa una pena complessiva di cinque anni. Ridotta, infine, da un anno e quattro mesi a un anno la condanna per Giovanni Giglio; per Pierino e Pasquale Vetere e Francesco Lerose, imputati per tentata estorsione e assolti da un capo di imputazione, la pena cala da tre anni a due anni e 600 euro di multa.

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NUDDU

NUDDU

by Pietro Orsatti

Un’inchiesta giornalistica senza apparente via di uscita e...

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

IL PADRINO DELL'ANTIMAFIA

by Attilio Bolzoni

Un siciliano che è “nel cuore” di un...


FIGLI DEI BOSS

FIGLI DEI BOSS

by Dario Cirrincione

Questo è un libro di storie e di...

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

by Gabriele Bardazza, Francesco Sanna

Per la prima volta in un libro, i...


AMEN

AMEN

by Antonio Ferrari

L’attentato a Giovanni Paolo II e i molti...

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

LE ULTIME PAROLE DI FALCONE E BORSELLINO

by Antonella Mascali

Questo libro raccoglie i principali interventi, le interviste,...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa