Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Montante: indagine concorso esterno mafia e' ancora aperta

Rassegna Stampa

Montante: indagine concorso esterno mafia e' ancora aperta

Caltanissetta. L'indagine che vede indagato l'imprenditore Antonello Montante per concorso esterno in associazione mafiosa è ancora aperta. Circostanza che è emersa oggi nel corso dell'udienza del processo sul Sistema Montante che si svolge in abbreviato a Caltanissetta. La procura, lo scorso ottobre, aveva chiesto l'archiviazione per il reato di concorso esterno.


Montante: pm, notizie riservate da accessi abusivi banca dati

Caltanissetta. Nel corso della sua requisitoria al processo sul Sistema Montante, che si svolge in abbreviato a Caltanissetta, il pm Maurizio Bonaccorso ha trattato le posizioni di Diego Di Simone, responsabile della security di Confindustria e di Marco De Angelis, funzionario della questura di Palermo. Entrambi sono accusati di avere rivelato notizie riservate grazie all'accesso abusivo della banca dati dello Sdi. Secondo l'accusa, Montante avrebbe cercato di ottenere notizie riservate sui profili di alcune persone di suo interesse. In media sarebbero stati effettuati nove accessi abusivi ogni tre mesi per un arco di 7 anni per cercare informazioni anche su alcuni collaboratori di giustizia, sull'ex presidente dell'Irsap Alfonso Cicero, parte offesa e parte civile, e il magistrato ed ex assessore regionale Nicolò Marino.
Oggi è emerso anche che la circostanza secondo cui il giornalista nisseno Giampiero Casagni avrebbe messo una microspie nella sede di Confindustria sarebbe solo un'illazione.
La requisitoria dei pm proseguirà il 16 aprile quando verrà esaminata la posizione dell'ex capocentro della Dia nissena Gianfranco Ardizzone.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

MORO. IL CASO NON E' CHIUSO. LA VERITA' NON DETTA

by Maria Antonietta Calabrò , Giuseppe Fioroni

Tutto quello che la gente sa sul cosiddetto...

ARAFAT

ARAFAT

by Stefania Limiti

Il conflitto israelo-palestinese è stato esacerbato dalla ritrosia...


SAVE THE MAFIA CHILDREN

SAVE THE MAFIA CHILDREN

by Giuliana Adamo

I figli della ’Ndrangheta nascono per seguire le...

IL LEGIONARIO

IL LEGIONARIO

edited by Luca Palestini

Italia, 1974-1983. Nel Paese delle stragi senza colpevoli,...


GIUDIZIO UNIVERSALE

GIUDIZIO UNIVERSALE

by Gianluigi Nuzzi

l nuovo libro di Gianluigi Nuzzi. Un viaggio...

GOTHA

GOTHA

by Claudio Cordova

Un'inchiesta che affonda le radici nella storia della...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa