Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Camorra: clan Terracciano, 52 a processo aula bunker Firenze

Rassegna Stampa

Camorra: clan Terracciano, 52 a processo aula bunker Firenze

tribunale toga magPer 16 c'è l'accusa di associazione a delinquere ex 416 bis Firenze
Cominciato oggi all'aula bunker di Firenze il processo di camorra al clan Terracciano, operativo a Prato negli anni 2000. E' uno dei processi con più imputati, dove sia contestata l'accusa di 416 bis (associazione mafiosa), celebrati in Toscana. Alla sbarra 52 imputati, rinviati a giudizio grazie a indagini della Dda di Firenze e della guardia di finanza avviate nel 2007 per una articolata serie di episodi criminali. Il clan, in un clima di intimidazione e omertà instaurato a Prato e nei territori di pertinenza, avrebbe mirato a controllare a fini di riciclaggio aziende commerciali affidate a prestanome locali e tenute sotto mira da fiancheggiatori, poi sequestrate nel corso dell'inchiesta. Il processo vede 16 imputati per il 416 bis, l'associazione a delinquere di stampo mafioso, anche armata, con reati fine come usura, estorsione, scommesse clandestine, sfruttamento della prostituzione, riciclaggio, locali notturni, ristorazione, commercio, abbigliamento, automobili, società immobiliari. Per gli altri imputati viene contestato il concorso nei reati in cui il clan si era specializzato. Al processo figurano imputati di spicco, tra cui Giacomo Terracciano, 67 anni, e Carlo Terracciano, 70, originari di Pollena Trocchia (Napoli), considerati i vertici della camorra a Prato; il cassiere e 'specialista finanziario' del clan Francesco Lo Ioco, 67, di Nicosia (Enna); Pasquale Ascione, 49, guardia del corpo e personaggio dato in ascesa nel clan, fino alle indagini. I Terracciano imponevano il loro ruolo nella 'mala' in Toscana anche esaltando i loro trascorsi nella Nuova Famiglia del clan Cutolo. Prossima udienza l'11 aprile, sempre all'aula bunker di Firenze.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

PADRINI FONDATORI

PADRINI FONDATORI

by Marco Lillo, Marco Travaglio

Quella del 20 aprile 2018 è una sentenza...

ITALIA OCCULTA

ITALIA OCCULTA

by Giuliano Turone

"Una storia nera. Una storia purtroppo vera. Italia occulta...


HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

Il pentito della trattativa e il potente PrincipeI...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa