Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Borsellino: non era custode autobomba, 777mila euro a eredi

Rassegna Stampa

Borsellino: non era custode autobomba, 777mila euro a eredi

Sentenza Corte appello Catania per ingiusta detenzione Tomaselli
Catania. La Corte d'appello di Catania ha condannato lo Stato a pagare circa 777 mila euro agli undici fratelli eredi di Salvatore Tomaselli per "riparare l'errore giudiziario" consistito nella sua condanna a 8 anni e mesi nel processo per la strage di via D'Amelio. All'attentato che costò la vita al giudice Paolo Borsellino e alla sua scorta lui era completamente estraneo, e morì tre anni dopo avere scontato la sentenza. Lo scrivono il Giornale di Sicilia e La Stampa. Secondo l'accusa, rivelatasi infondata, l' uomo che avrebbe custodito in un proprio magazzino della Guadagna la 126 usata, secondo i falsi pentiti, come auto bomba contro il giudice Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta, uccisi 26 anni fa. Invece Tomaselli non aveva fatto niente e Salvatore Candura, che lo aveva accusato, aveva mentito. A Caltanissetta, dopo il suo decesso, nell' agosto 2011, è arrivata la sentenza Borsellino quater, che ha consacrato l' estraneità degli ex imputati - sette avevano avuto l' ergastolo - alle contestazioni e successivamente la Corte d' appello di Catania aveva disposto la revisione del processo, cancellando le condanne. Ultimo atto, l' ordinanza su quella che tecnicamente si chiama proprio "riparazione", ricostruiscono i quotidiani, è stata emessa dalla terza sezione della Corte d'appello di Catania, presieduta da Carmela La Rosa.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

DEPISTATO

DEPISTATO

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

In queste pagine è raccontato il depistaggio di...

TI MANGIO IL CUORE

TI MANGIO IL CUORE

by Carlo Bonini, Giuliano Foschini

Un'inchiesta sull'abisso non ancora esplorato della Società foggiana,...


IL LIBRO NERO DELLA LEGA

IL LIBRO NERO DELLA LEGA

by Giovanni Tizian, Stefano Vergine

La truffa milionaria ai danni degli italiani, le...

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

IL LATO OSCURO DELLA MAFIA NIGERIANA IN ITALIA

by Fabio Federici

Oggi la presenza della Mafia Nigeriana in Italia...


LA PAURA NON PERDONA

LA PAURA NON PERDONA

by Luigi Leonardi

Come si combatte dall’interno il sistema in cui...

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

DA SALVATORE GIULIANO A LUCIANO LIGGIO

by Vincenzo Cuomo, Gianfranco Milillo

In un paese come l’Italia, in cui è...


LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

La confessione di Giovanni Brusca Il pentito della trattativa...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa