Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Bancarotta: Verdini condannato a 4 anni e 4 mesi

Rassegna Stampa

Bancarotta: Verdini condannato a 4 anni e 4 mesi

verdini denis c imagoeconomica 2Firenze, per crac preferenziale ditte edili
Firenze. Il tribunale di Firenze ha condannato stasera in un processo per bancarotta preferenziale sul crac di società edili Denis Verdini a 4 anni e 4 mesi e gli imprenditori di Campi Bisenzio Ignazio Arnone, a 3 anni e 4 mesi, e il figlio Marco Arnone a 2 anni e 4 mesi. Il processo riguarda operazioni fra la banca ex Ccf, di cui Verdini era presidente, e le imprese degli Arnone che avevano rapporti con l'istituto da cui ottennero lavori edili i cui proventi vennero stornati per ridurre l'esposizione debitoria. Verdini a inizio udienza ha reso dichiarazioni spontanee dicendo che i lavori alla sede di Firenze, nel viale Belfiore, "furono reali e vennero pagati dalla banca". "Il figlio di Arnone - ha continuato - entra nel contratto, incassa i soldi, la banca paga". "Quelli che poi sono i rapporti tra padre e figlio sono cosa loro, non possono essere attribuiti all'esterno", ha aggiunto. Invece per il pm Turco, che aveva chiesto 6 anni per l'ex senatore, tali operazioni sono "una sistemazione contabile", "la banca di Verdini dà con un mano e riprende con l'altra", ha detto riferendosi al fatto che la ditta di Marco Arnone riscuote l'importo di 810.000 euro per i lavori ma poi ne paga 740.000 per "lavori inesistenti alla Arnone srl del padre Ignazio, azienda defunta, che li gira all'ex Ccf" con cui ha una forte esposizione. "La banca recupera un credito - dice Turco - ma Verdini viola la par condicio creditorum e compie azioni dolose".

ANSA

Foto © Imagoeconomica

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...

PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...


STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...

UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...


LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...


ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...

CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa