Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: Aquilia; Nicotra non risponde a Gip, 'sono innocente'

Rassegna Stampa

Mafia: Aquilia; Nicotra non risponde a Gip, 'sono innocente'

nicotra raffaeleSpontanee dichiarazioni ex deputato Ars arrestato da carabinieri
Catania. Ha fatto spontanee dichiarazioni, proclamandosi innocente e riservandosi di rispondere punto per punto a tutte le contestazioni in un successivo interrogatorio, davanti al Gip Santino Miarabella l'ex deputato regionale ed ex sindaco di Aci Catena Raffaele Pippo Nicotra, arrestato dai carabinieri di Catania nell'ambito dell'inchiesta Aquilia per concorso esterno, voto di scambio politico-mafioso e tentata estorsione aggravata. Nicotra, assistito dal professore Giovanni Grasso e dall'avvocato Orazio Consolo, durante l'interrogatorio di garanzia nel carcere di Bicocca, dove si trova detenuto da due giorni, ha respinto le contestazioni della Procura distrettuale, dichiarandosi estraneo ai fatti che gli sono contestati. L'ex sindaco ha sostenuto di essere sotto estorsione del clan Sciuto dal 1974 e di essere da allora una vittima sotto pressione della mafia. Ha negato di avere comprato voti e ha sottolineato di essere ormai da tempo fuori dall'agone politico, tanto che, ha ricordato, non si è candidato né alle ultime elezioni regionali, né alle amministrative di Aci Catena. Secondo pentiti della cosca Sciuto e della 'famiglia' Santapaola-Ercolano, Nicotra avrebbe pagato 50mila euro per l'appoggio della cosca alle regionali del 2008 e nella competizione successiva 50 euro a voto e avrebbe versato al gruppo dai 10 ai 15mila euro l'anno.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa