Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Estorsioni: chiesero pizzo a imprenditori, condanne definitive

Rassegna Stampa

Estorsioni: chiesero pizzo a imprenditori, condanne definitive

palermo toga 610Alla sbarra ex gestori ristorante Bucatino di Palermo
Palermo. Sono definitive le pene inflitte della quarta sezione della Corte d'appello di Palermo a Giovanni De Santis, Francesco Pitarresi e Umberto Centineo, condannati ciascuno a 8 anni e 4 mesi, 7 anni e 7 anni e 4 mesi per estorsione. La corte di Cassazione ha rigettato i ricorsi degli imputati contro il verdetto di secondo grado. Secondo l'accusa i tre, insieme a complici processati e condannati in abbreviato, avrebbero taglieggiato i titolari di una ditta di trasporti di Bagheria. A tutti è stata contestata l'aggravante del metodo mafioso. Due degli imputati erano i gestori di un noto ristorante palermitano, il Bucatino, che diede il nome all'operazione dei carabinieri. La vicenda parte nel 2012 dal furto ai danni della ditta di trasporti di un camion carico di elettrodomestici per un valore di circa 170 mila euro. Per recuperare la merce le vittime si rivolgono alla mafia. Nei locali del Bucatino incontrano De Santis che, vantando la sua appartenenza al clan di Palermo Centro, si offre di recuperare il bottino e di "proteggere" gli imprenditori in cambio di 15 mila euro da versare entro Natale e di altri 1.500 euro al mese. Nella ricerca del colpevole del furto i boss concentrano i loro sospetti su alcuni dipendenti della ditta che vengono pestati a sangue. I carabinieri, indagando sull'episodio, arrivano a De Santis, che viene arrestato. Da allora si innesca un'escalation di minacce, richieste di 200 mila euro di risarcimento del danno per l'arresto seguito al pestaggio e le vittime sono costrette a lasciare la Sicilia. L'imprenditore, disperato, è perfino pronto a vendersi un polmone per pagare i pizzo. Solo dopo mesi le vittime si convincono a denunciare tutto ai carabinieri. Al processo erano parte civile, oltre alle vittime, Confindustria e il centro Pio La Torre, difesi dagli avvocati Ettore Barcellona e Francesco Cutraro.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


CIAO, IBTISAM!

CIAO, IBTISAM!

by Serena Marotta

"Ibtisam" è la traslitterazione della parola araba che...

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

edited by Antonella Beccaria, Salvatore Borsellino, Federica Fabbretti, Giuseppe Lo Bianco , Stefano Mormile, Nunzia Mormile, Fabio Repici, Giovanni Spinosa

La storia occulta del nostro Paese viene scritta...


SULCIS IN FUNDO

SULCIS IN FUNDO

by Chessa Paolo Matteo

Il "giallo del pozzo" di Carbonia con l'assassinio...

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...


IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...

UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa