Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia 'Ndrangheta: omicidi del 1992, 30 anni al boss Sarcone

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: omicidi del 1992, 30 anni al boss Sarcone

sarcone nicolinoCondannato anche a 8 anni il pentito Antonio Valerio
Bologna. Dopo 26 anni sono arrivate ieri dal gup del Tribunale di Bologna due condanne per le morti di Nicola Vasapollo e Giuseppe Ruggiero, uccisi nel 1992 a Reggio Emilia e a Brescello. Nel giudizio con rito abbreviato, il boss della 'ndrangheta Nicolino Sarcone, considerato l'uomo al vertice dell'organizzazione scoperta dall'inchiesta 'Aemilia', è stato condannato a 30 anni, mentre al pentito Antonio Valerio ne sono stati comminati otto, grazie al riconoscimento della collaborazione con la giustizia. La notizia è stata riportata da alcuni quotidiani locali.
Il gup Gianluca Petragnani Gelosi ha sostanzialmente accolto le richieste dell'accusa, la pm della Dda Beatrice Ronchi, che aveva chiesto 30 anni per Sarcone e 12 per Valerio. Altri quattro imputati, invece, hanno scelto il rito ordinario e sono stati rinviati a giudizio: sono il boss Nicolino Grande Aracri, Angelo Greco, Antonio Ciampà e Antonio Lerose. Il processo comincerà il 12 febbraio, davanti alla Corte D'Assise di Reggio Emilia. Per gli inquirenti i due delitti devono essere collocati in una guerra di mafia: da una parte le famiglie Dragone, Grande Aracri, Ciampà e Arena, dall'altra gli 'scissionisti' Vasapollo e Ruggiero. Secondo la Dda Nicolino Grande Aracri sarebbe il mandante dei due omicidi insieme ad Antonio Ciampà, altro capo cosca di Cutro. Nicolino Sarcone è considerato invece l'esecutore materiale dell'omicidio di Vasapollo, mentre il pentito Valerio si è autoaccusato di aver partecipato all'assassinio di Ruggiero.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

LA GIUSTIZIA E' COSA NOSTRA

by Attilio Bolzoni, Giuseppe D'avanzo

Un libro di cui non si sa nulla...

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

GIORNALISTI IN TERRE DI MAFIA

by Attilio Bolzoni

Ci sono notizie che fanno male e ci...


IL BENE POSSIBILE

IL BENE POSSIBILE

by Gabriele Nissim

Secondo il Talmud ogni generazione conosce trentasei zaddiqim...

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...


I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...


GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...

L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa