Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia 'Ndrangheta: droga; 10 condanne, 9 anni a Giuseppe Morabito

Rassegna Stampa

'Ndrangheta: droga; 10 condanne, 9 anni a Giuseppe Morabito

milanoMarijuana anche Roma e Sicilia; a giudizio figlio boss Novella
Milano. Per aver messo in piedi un traffico di marijuana tra Milano e provincia e Reggio Calabria, droga per altro piazzata anche a Roma e ai clan siciliani della zona di Catania, oggi il gup milanese Giusy Barbara ha condannato in abbreviato 10 persone, tra cui a 9 anni di carcere Giuseppe Morabito, vicino alla cosca Pesce-Bellocco di Rosarno, e a 8 anni anni di reclusione Massimo Emiliano Ferraro, vicino ai Bruzzaniti-Palamara-Morabito di Africo. Il giudice ha mandato a giudizio con rito ordinario Edoardo Novella, figlio di Carmelo il capo della 'ndrangheta in Lombardia, ucciso 2008 a San Vittore Olona. Si è concluso così in primo grado il procedimento nato dall'inchiesta dei pm della dda Cecilia Vassena e Alessandra Cerreti che nel luglio dell'anno scorso ha portato la Dia di Milano ad arrestare gli attuali imputati accusati a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico e alla detenzione di sostanze stupefacenti. Tutti in carcere, alcuni per altri fatti, sono residenti in Lombardia e Morabito aveva addirittura anche una base in Svizzera. Il giudice ha condannato per associazione per delinquere finalizzata al narcotraffico anche Antonio Curcialello a 8 anni e 8 mesi, Davide Robbi, ritenuto il 'corriere', a 7 anni e 4 mesi e Federico Gilberto a 4 anni e 8 mesi. A quest'ultimo sono state concesse le attenuanti generiche per aver avuto un ruolo di secondo piano e, poiché è già stato in carcere 8 mesi, gli sono stati dati gli arresti domiciliari.
Il gup Barbara ha assolto dall'associazione Giuseppe Perre, dell'omonima famiglia, al quale pero' e' stato attribuito il ruolo di fornitore ed è stato condannato a 4 anni e 4 mesi e a 40 mila euro di multa. Non e' stata contestata l'associazione nemmeno  a Francesco Cicino, vicino alla cosca Gallace di Guardavalle (Catanzaro), che ha preso 2 anni, 2 mesi e 20 giorni, e a Francesco De Curtis, Salvatore Ribaudo e a Salvatore Raimondo che si sono visti infliggere 2 anni e 18 mila euro di multa ciascuno. Solo a Ribaudo è stata riconosciuta la sospensione condizionale della pena. Le motivazioni saranno depositate in 45 giorni.
L'operazione chiamata 'Linfa' che lo scorso luglio ha portato gli uomini della Dia ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare firmate dal gip Paolo Guidi, ha azzerato un'organizzazione, con base nel milanese, in grado di movimentare chili droga dal cuore della Calabria fino a Milano, ma anche dal capoluogo lombardo in Sicilia e nel Lazio, tant’è che nel corso dell'inchiesta sulla tangenziale di Roma sono stati sequestrati oltre 120 di marijuana nascosti in un'auto guidata da Robbi. Inoltre, come è emerso dagli atti
dell'indagine, Morabito dal suo appartamento nel Canton Ticino avrebbe controllato il traffico. La procura l'anno scorso si era vista respingere dal gip l'arresto anche di Carmelo Novella, ma poi dopo aver ricorso al Riesame con conferma in Cassazione, il figlio minore del boss ucciso qualche mese fa è finito pure lui in cella e ora sarà giudicato dall'ottava  sezione penale del Tribunale a partire dal prossimo 17 maggio.
C’è da segnalare infine che sabato scorso Cicino è stato destinatario di un provvedimento di arresto per tentata estorsione in quanto con Vincenzo Montemurro, sarebbe stato l'autore di un pestaggio ai danni di Edoardo Novella.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa