Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia ''Non era donna boss'', l'assoluzione di Anna Messina diventa definitiva

Rassegna Stampa

''Non era donna boss'', l'assoluzione di Anna Messina diventa definitiva

messina annaLa procura generale non impugna il verdetto della Corte di appello che l'ha scagionata dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa

Non contribuì al rafforzamento di Cosa Nostra ma fu semplice fiancheggiatrice del fratello, avendo agito “in una condizione di non punibilità” visto che la legge non prevede il reato di favoreggiamento fra “prossimi congiunti”. La procura generale, che aveva insistito in udienza al processo di appello bis con il magistrato Emanuele Ravaglioli che aveva chiesto la condanna a 6 anni, fa scadere il termine e rinuncia a impugnare la sentenza di assoluzione emessa dai giudici della sesta Corte di appello di Palermo lo scorso 11 ottobre.

Il verdetto, che scagiona la trentanovenne sorella del boss Gerlandino, accusata di concorso esterno in associazione mafiosa, da ieri, è diventato definitivo. L'inchiesta a suo carico era scattata dopo il ritrovamento di numerosi pizzini nell'ultimo covo del fratello, prima numero 2 e poi numero uno di Cosa Nostra agrigentina, catturato a Favara dopo quasi 12 anni di latitanza.

La Corte presieduta dal giudice Roberto Murgia aveva emesso la sentenza sette ore dopo essersi ritirata in camera di consiglio per valutare la posizione della donna che, dopo l’arresto e la condanna in primo grado e in appello (rispettivamente sei anni e cinque anni), era tornata libera perché la Cassazione aveva messo in dubbio il suo ruolo di “concorrente esterna” dell’organizzazione mafiosa ordinando un nuovo processo. Le sentenze di primo e secondo grado, secondo i giudici della Cassazione che avevano accolto gran parte dei motivi del ricorso del difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, non avevano chiarito se Anna Messina avesse svolto, per conto del fratello Gerlandino, il ruolo di "corriere" dei pizzini in maniera abituale o episodica. In ogni caso - avevano sottolineato ritenendo il punto decisivo - il concorso esterno si concretizza "se le informazioni sono provenienti da altri associati o persone che svolgono attività utili al conseguimento degli scopi dell'associazione mafiosa".

agrigentonotizie.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

MAFFIA & CO.

MAFFIA & CO.

by Andrea Leccese

Mafia è la parola italiana più famosa al...

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

IL VOTO DI SCAMBIO POLITICO-MAFIOSO

by Mario Michele Giarrusso, Andrea Leccese

''La norma sul voto di scambio politico-mafioso nasce...


UNA SPECIE DI VENTO

UNA SPECIE DI VENTO

by Marco Archetti

Una storia che è un canto di vita:...

THE TIME IS NOW

THE TIME IS NOW

edited by David Bidussa

Quanta sete di giustizia, quanta carica vitale, quanta...


I DIARI DI FALCONE

I DIARI DI FALCONE

by Edoardo Montolli

Le agende di Giovanni Falcone entrarono e uscirono...

LA VERITA' DEL FREDDO

LA VERITA' DEL FREDDO

by Raffaella Fanelli

Raffaella Fanelli intervista Maurizio Abbatino- La banda della...


NON LASCIAMOLI SOLI

NON LASCIAMOLI SOLI

by Francesco Viviano, Alessandra Ziniti

Quello che l’Italia e l’Europa non vogliono sentire...

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia