Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia ''Non era donna boss'', l'assoluzione di Anna Messina diventa definitiva

Rassegna Stampa

''Non era donna boss'', l'assoluzione di Anna Messina diventa definitiva

messina annaLa procura generale non impugna il verdetto della Corte di appello che l'ha scagionata dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa

Non contribuì al rafforzamento di Cosa Nostra ma fu semplice fiancheggiatrice del fratello, avendo agito “in una condizione di non punibilità” visto che la legge non prevede il reato di favoreggiamento fra “prossimi congiunti”. La procura generale, che aveva insistito in udienza al processo di appello bis con il magistrato Emanuele Ravaglioli che aveva chiesto la condanna a 6 anni, fa scadere il termine e rinuncia a impugnare la sentenza di assoluzione emessa dai giudici della sesta Corte di appello di Palermo lo scorso 11 ottobre.

Il verdetto, che scagiona la trentanovenne sorella del boss Gerlandino, accusata di concorso esterno in associazione mafiosa, da ieri, è diventato definitivo. L'inchiesta a suo carico era scattata dopo il ritrovamento di numerosi pizzini nell'ultimo covo del fratello, prima numero 2 e poi numero uno di Cosa Nostra agrigentina, catturato a Favara dopo quasi 12 anni di latitanza.

La Corte presieduta dal giudice Roberto Murgia aveva emesso la sentenza sette ore dopo essersi ritirata in camera di consiglio per valutare la posizione della donna che, dopo l’arresto e la condanna in primo grado e in appello (rispettivamente sei anni e cinque anni), era tornata libera perché la Cassazione aveva messo in dubbio il suo ruolo di “concorrente esterna” dell’organizzazione mafiosa ordinando un nuovo processo. Le sentenze di primo e secondo grado, secondo i giudici della Cassazione che avevano accolto gran parte dei motivi del ricorso del difensore, l’avvocato Salvatore Pennica, non avevano chiarito se Anna Messina avesse svolto, per conto del fratello Gerlandino, il ruolo di "corriere" dei pizzini in maniera abituale o episodica. In ogni caso - avevano sottolineato ritenendo il punto decisivo - il concorso esterno si concretizza "se le informazioni sono provenienti da altri associati o persone che svolgono attività utili al conseguimento degli scopi dell'associazione mafiosa".

agrigentonotizie.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

CORRUZIONE E ANTICORRUZIONE

by Raffaele Cantone, Enrico Carloni

Ogni volta che un politico o un funzionario...

I NUOVI POTERI FORTI

I NUOVI POTERI FORTI

by Franklin Foer

Google, Amazon, Facebook, Apple, ormai note con l’acronimo...


PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

PRIMA CHE GRIDINO LE PIETRE

by Valentina Furlanetto, Alex Zanotelli

Questo libro racconta il razzismo di ieri e...

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

GESU' E' PIU' FORTE DELLA CAMORRA

by Aniello Manganiello, Andrea Manzi

"Gesù è più forte della camorra" è il...


L'ISOLA ASSASSINA

L'ISOLA ASSASSINA

by Carlo Bonini

Un'inchiesta sulle tracce di Daphne Caruana Galizia, la...

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

LA REPUBBLICA PUNCIUTA

by Stefano Baudino

Da chi è stata composta e quali trasformazioni...


L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

L'INDUSTRIA DELLA CARITA'

by Valentina Furlanetto

Valentina Furlanetto racconta le ombre della solidarietà trasformata...

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa