Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: processo Csm a Saguto, sentenza forse il 22 febbraio

Rassegna Stampa

Mafia: processo Csm a Saguto, sentenza forse il 22 febbraio

saguto silvana 1Anche per altri magistrati coinvolti in vicenda
Roma. Potrebbe arrivare il 22 febbraio prossimo la sentenza della Sezione disciplinare del Csm sul procedimento a carico dell'ex presidente della Sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Silvana Saguto, lo stesso giorno in cui il magistrato è stata convocata per rendere dichiarazioni spontanee. Sempre il 22 dovrebbero arrivare le decisioni che riguardano gli altri magistrati coinvolti nella vicenda: Fabio Licata, Lorenzo Chiaramonte, Tommaso Virga e Guglielmo Muntoni.


Mafia: processo Csm a Saguto; difesa, mai avuto soldi nè favori
Visita fiscale dà torto al giudice, il 22 forse la sentenza
Roma. "Non c'è nessuna prova che Saguto in presenza di difficoltà economiche si rivolgesse ad amministratori e coadiutori per ottenere da loro utilità", cioè soldi o favori. E' il giorno della difesa al processo disciplinare a carico dell'ex presidente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo Silvana Saguto, accusata qui e nel giudizio penale in corso a Caltanissetta, di aver gestito in maniera disinvolta i patrimoni di Cosa nostra attraverso assegnazioni di incarichi a un ristretto gruppo di fedelissimi da cui avrebbe in cambio ricevuto soldi, regali e favori. E l'avvocato Francesco Colotti, che chiede l'assoluzione da tutti i 33 capi di incolpazione per la sua assistita, evidenzia come anche dagli accertamenti bancari disposti dalla magistratura "non sia emersa traccia" di quel denaro; soldi e doni che - secondo la contestazione del Pg della Cassazione e del ministro della Giustizia - sarebbero serviti a tamponare la situazione critica in cui si trovava la famiglia del magistrato "a fronte di un tenore di vita tutt'altro che congruo rispetto alle entrate ufficiali". L'accusa di aver ricevuto somme di denaro, soprattutto ma non solo dall'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, amministratore in sette procedure per le quali lui percepì compensi particolarmente elevati, non è provata nè da sequestri di contanti, nè da dichiarazioni di testimoni, sostiene il legale. Ma è basata su "frammenti di intercettazioni telefoniche, su brogliacci dal significato equivoco", che secondo l'avvocato non potevano neppure essere utilizzati nel procedimento disciplinare. Nessuno scambio di favori nemmeno dietro la nomina a coadiutore del marito del magistrato, l'ingegnere Lorenzo Caramma, in una delle procedure affidate a Cappellano Seminara: quella collaborazione - che secondo l'accusa permise al coniuge del magistrato di lucrare oltre 750mila euro - fu decisa quando lei ancora non si occupava di misure di prevenzione a Palermo. E ancora, in tema di denaro, il legale smentisce che i 15mila euro che il padre di Saguto le versò con un bonifico bancario con la causale "regalo di compleanno", fossero soldi che provenivano da un altro dei professionisti del cerchio magico, il professore Carmelo Provenzano, come sostiene invece l'accusa. E spiega che nei momenti di difficoltà economica era proprio al padre che il giudice si rivolgeva, come proverebbero diverse intercettazioni. Il processo è ormai alle ultime battute. Il Csm, dopo aver disposto una visita fiscale, non ha considerato "impedimento assoluto" il ricovero in una clinica di Saguto e ha convocato il magistrato il 22 perchè possa rendere dichiarazioni spontanee. In quello stesso giorno dovrebbe arrivare la sentenza per lei e per gli altri magistrati coinvolti in questa vicenda: Fabio Licata, Lorenzo Chiaramonte, Tommaso Virga e Guglielmo Muntoni. Per tutti loro il rappresentante della procura generale della Cassazione Mario Fresa ha chiesto la condanna a sanzioni variabili dalla censura alla perdita di anzianità, mentre per Saguto la più drastica: la rimozione dall'ordine giudiziario.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

GIUSTIZIA DIVINA

GIUSTIZIA DIVINA

by Emanuela Provera, Federico Tulli

"In parrocchia arrivò un sacerdote che, a mio...

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

by Andrea Tornielli, Gianni Valente

Il tentato "golpeˮ contro Francesco esplode come "bomba...


PALERMO CONNECTION

PALERMO CONNECTION

by Petra Reski

Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli...

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

STORIA SEGRETA DELLA ‘NDRANGHETA

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

Se un tempo i suoi affiliati andavano a...


UN MORTO OGNI TANTO

UN MORTO OGNI TANTO

by Paolo Borrometi

"Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per...

LA BESTIA

LA BESTIA

by Carlo Palermo

2 aprile 1985: l'auto che porta Carlo Palermo...


IL CORAGGIO DI DIRE NO

IL CORAGGIO DI DIRE NO

by Paolo De Chiara

È la drammatica storia di una fimmina ribelle...

ONG

ONG

by Sonia Savioli

Nel Medioevo si cercavano di unifi care territori...


Libri in primo piano

il patto sporcoNino Di Matteo e Saverio Lodato

IL PATTO SPORCO

Il processo Stato-Mafia nel racconto di un suo protagonista




avanti mafia
Saverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI
Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia




quarantanni di mafia aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa