Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Mafia: Saguto a Csm, mandatemi in pensione per ragioni salute

Rassegna Stampa

Mafia: Saguto a Csm, mandatemi in pensione per ragioni salute

saguto silvana 3Roma. Silvana Saguto, l'ex presidente della Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, sotto processo a Caltanissetta per corruzione e abuso d'ufficio, ha chiesto al Csm di essere collocata a riposo per inabilità, cioè per ragioni di salute. Se la richiesta venisse accolta in tempi brevi, non solo finirebbe nel nulla il procedimento disciplinare nel quale la procura generale della Cassazione ha chiesto per lei la condanna alla rimozione dall'ordine giudiziario. Ma Saguto avrebbe anche il diritto di chiedere la corresponsione di quanto le è stato tagliato dalla retribuzione, da quando nel novembre del 2015 è stata sospesa dal Csm dalle funzioni e dallo stipendio, a seguito dell'inchiesta di Caltanissetta.Da oltre due anni l'ex presidente di sezione percepisce infatti un assegno di mantenimento pari a un terzo della retribuzione. I tempi però per l'accoglimento della richiesta di pensionamento per malattia non sono solitamente brevi, perché bisogna accertare, anche con perizie, la sussistenza dell'inabilità e se sia tale da giustificare il collocamento a riposo. Non sono nemmeno rapidissimi i tempi di esecuzione delle sentenze disciplinari del Csm, per le quali è consentita l'impugnazione davanti alle Sezioni Unite civili della Cassazione. Gli 'ermellini' possono confermare oppure annullare con rinvio la pronuncia del Csm, disponendo un nuovo processo; e in questa seconda ipotesi i tempi si allungano notevolmente. Anche nel caso in cui la Cassazione mette il proprio sigillo alla sentenza disciplinare, perché diventi esecutiva occorre il deposito delle motivazioni. Intanto solo nel tardo pomeriggio si saprà se potrà riprendere il procedimento disciplinare a Saguto, sospeso stamattina dopo che il magistrato ha fatto recapitare un certificato che attesta il suo ricovero in una clinica privata. Il "tribunale delle toghe" ha disposto la visita fiscale: se sarà accertato che effettivamente ricorre un legittimo impedimento, il procedimento si fermerà in attesa che la diretta interessata sia in grado di rendere le dichiarazioni spontanee, come ha chiesto di poter fare. Diversamente riprenderà il dibattimento e la parola passerà alla difesa di Saguto, che si è affidata alla studio legale di Giulia Bongiorno. Non ha per ora subito contraccolpi invece il procedimento disciplinare a carico del giudice Fabio Licata, uno dei quattro magistrati coinvolti nel "caso Saguto". Il Pg della Cassazione Mario Fresa ha chiesto per lui, che all'epoca dei fatti era componente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, la condanna alla sospensione dalle funzioni e dallo stipendio per sei mesi. Diverse le accuse di cui deve rispondere Licata: la principale è aver usato il suo ruolo per assicurare a Saguto e ai suoi familiari "ingiusti vantaggi". E in particolare di avere accettato di assumere, senza un provvedimento formale, le funzioni di giudice delegato prima e poi di presidente del collegio che si occupava di un sequestro di beni nel quale il marito di Saguto,l'ingegnere Lorenzo Caramma era coadiutore dell'amministratore giudiziario. Il tutto per "dissimulare il conflitto di interessi" in cui si trovava Saguto. A Licata viene contestato anche di aver aumentato il compenso di Caramma, "per un'attività pari a zero" e "senza alcuna verifica", ha detto oggi Fresa, che ha definito per questi comportamenti il magistrato "un fantoccio nelle mani di Saguto”. 
 
ANSA
 

Mafia: certificato medico Saguto, Csm chiede visita fiscale 
Roma. La sezione disciplinare del Csm ha chiesto di disporre una visita fiscale per Silvana Saguto, l'ex presidente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, che oggi, nel giorno in cui viene sentita la difesa al processo di fronte al 'tribunale delle toghe' del Csm, non si è presentata e ha fatto pervenire un certificato medico relativo a un ricovero in una clinica privata. Per lei la procura generale presso la Cassazione ha chiesto la rimozione dall'ordine giudiziario, ossia la massima sanzione. Saguto è sotto processo a Caltanissetta per la gestione 'disinvolta' dei beni confiscati alla mafia tramite l'assegnazione di incarichi a un gruppo di fedelissimi. 
 
ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

OMBRE NERE

OMBRE NERE

by Giuseppe Lo Bianco , Sandra Rizza

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi...

''IN ITALIA VIOLARE LA LEGGE CONVIENE''. VERO!

''IN ITALIA VIOLARE LA LEGGE CONVIENE''. VERO!

by Piercamillo Davigo

Perché in Italia è così difficile essere onesti?...


POTERI OCCULTI

POTERI OCCULTI

by Stefania Limiti

Il tema dei poteri occulti è essenziale per...

IL CASO TORTORA

IL CASO TORTORA

by Luca Steffenoni

A trent'anni dalla morte di Enzo TortoraUn legal...


L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


Libri in primo piano

avanti mafiaSaverio Lodato

AVANTI MAFIA!

Perché le Mafie hanno vinto





Ncollusi homeino Di Matteo
e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-aggSaverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinitaa
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa



il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia