Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Corte conti: compensi non autorizzati, assolta giudice Saguto

Rassegna Stampa

Corte conti: compensi non autorizzati, assolta giudice Saguto

saguto silvana 3Palermo. I giudici della Corte dei Conti, presieduta da Luciana Savagnone, hanno assolto l'ex presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo Silvana Saguto, difesa dall'avvocato Domenico Pitruzzella, citata in giudizio dalla Procura contabile per danno erariale nei confronti del ministero della Giustizia. L'ex presidente era finita davanti ai giudici contabili per avere autorizzato il pagamento di compensi destinati a tre coadiutori dell'amministratore giudiziario, ai quali erano stati conferiti anche incarichi aziendali nell'impresa oggetto dell'amministrazione giudiziaria, facendo gravare indebitamente sullo Stato il relativo complessivo importo di 35 mila euro. La vicenda si colloca nell'ambito della gestione dei beni sequestrati e trae origine da una relazione ispettiva del 2016. Dalla relazione era emerso, infatti, che, nel corso della gestione di una azienda sequestrata, la Saguto aveva autorizzato con provvedimento del 15 aprile 2015 la liquidazione dell'importo ponendo lo stesso a carico dell'Erario. Gli Ispettori avevano sostenuto, sostanzialmente, l'estraneità della spesa in questione alla fattispecie autorizzata dalla norma, con conseguente danno per l'amministrazione statale che aveva indebitamente sostenuto il relativo esborso. Secondo i giudici contabili, invece, l'azione della Saguto fu legittima. La sostituzione dei componenti della famiglia a cui era stato sequestrato il bene era necessaria per la prosecuzione dell'attività dell'azienda. "In buona sostanza - si legge nella sentenza - le nomine in questione e la determinazione dei relativi compensi (peraltro quantificati "in misura inferiore a quella già spettante al proposto e ai suoi familiari") vanno inquadrate nel novero degli atti funzionali all'attività economica dell'azienda. In altri termini, i tre professionisti in questione sono stati chiamati sostanzialmente dallo Stato per assicurare, quali collaboratori, quella continuità imprenditoriale necessaria alla conservazione del bene azienda che, per le predette 'esigenze di discontinuità, rispetto a momenti di illiceità o irregolarità pregressi', non poteva più, per legge, essere affidata ai parenti del proposto. "Il contestato provvedimento con il quale l'odierna convenuta ha autorizzato il pagamento controverso ponendo lo stesso a carico dell'Erario con diritto a recupero in caso di revoca del sequestro - scrivono i giudici - risulta, dunque, conforme alla disciplina che regola la fattispecie".

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IN NOME DEL FIGLIO

IN NOME DEL FIGLIO

by Jole Garuti

Il 6 agosto 1985 la mafia uccise a...

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

LA VERITÀ SUL PROCESSO ANDREOTTI

by Gian Carlo Caselli, Guido Lo Forte

Giulio Andreotti è stato assolto dall’accusa di associazione...


IL LINGUAGGIO MAFIOSO

IL LINGUAGGIO MAFIOSO

by Giuseppe Paternostro

In che modo un'associazione che ha fatto del...

MORTE DEI PASCHI

MORTE DEI PASCHI

by Franco Fracassi, Elio Lannutti

La vicenda che ruota intorno al Monte dei...


FIUMI D'ORO

FIUMI D'ORO

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

10 luglio 1973: viene rapito a Roma John...

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...


UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca