Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Cosca Marsala, confermate in appello le condanne

Rassegna Stampa

Cosca Marsala, confermate in appello le condanne

tribunale toghe1di AMDuemila
La Corte d'appello di Palermo ha confermato le condanne inflitte, l'8 giugno 2016, dal Tribunale di Marsala a tre dei quattro arrestati nell'operazione antimafia dei carabinieri "The Witness", del 9 marzo 2015. Gli imputati condannati sono Antonino Bonafede, 82 anni, pastore e vecchio "uomo d'onore", che secondo i magistrati della Dda aveva "ereditato" il bastone del comando in seno alla famiglia mafiosa di Marsala dal figlio Natale, in carcere dal gennaio 2003 con una condanna definitiva all'ergastolo; Vincenzo Giappone, di 55, anch'egli pastore, e Martino Pipitone, 67 anni, ex impiegato di banca in pensione, che in passato ha già scontato una condanna a 6 anni per mafia. Quest'ultimo, però, era stato assolto dal Tribunale marsalese dall'accusa di mafiosa, seppur condannato a due anni di reclusione per intestazione fittizia di una società ad altra persona "per evitare eventuale confisca da parte dello Stato". La pena più severa, 16 anni di carcere, il Tribunale l'aveva inflitta, invece, ad Antonino Bonafede, pur escludendone il ruolo di vertice in seno alla locale famiglia mafiosa. E la Corte d'appello ha confermato. La pena per Bonafede è stata "complessiva". Include, infatti, anche i 6 anni già scontati per una precedente condanna per mafia. Confermata anche la condanna a 12 anni di carcere, sempre per mafia, per Vincenzo Giappone, che sarebbe stato il cassiere della "famiglia" e il "primo collaboratore" di Bonafede.

ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

L'ULTIMA NOTTE DI ALDO MORO

by Paolo Cucchiarelli

'Ecco dove fu ucciso Moro'Esce 'L'ultima notte del...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

SE TU POTESSI VEDERMI ORA

by Carolina Orlandi

La sera del 6 marzo 2013 David Rossi...


LA MAFIA DOPO LE STRAGI

LA MAFIA DOPO LE STRAGI

by Attilio Bolzoni

Totò Riina è scivolato nella tomba con tutti...

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

LA CRIMINALITA' SERVENTE NEL CASO MORO

by Simona Zecchi

A quarant’anni dal sequestro e dall’omicidio di Aldo...


B. COME BASTA!

B. COME BASTA!

by Marco Travaglio

"Tutto ciò che ha fatto, anzi ci ha...

GUERRA NUCLEARE

GUERRA NUCLEARE

by Manlio Dinucci

Sembra di vivere nel film "The day after"...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca