Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Back Sei qui: Home Rassegna Stampa Giustizia in Italia Lombardo, giudici sull'assoluzione dell'ex presidente

Rassegna Stampa

Lombardo, giudici sull'assoluzione dell'ex presidente

«Prove carenti ma in rapporti con esponenti mafiosi»
di Dario De Luca
Depositate le motivazioni con cui a marzo i giudici della corte d'Appello hanno assolto il politico autonomista dal reato di concorso esterno a Cosa nostra. Tra i passaggi spazio al presunto summit del 2013 con i boss dei Santapaola e l'affare del centro commerciale Centro Sicilia

Mancanza di prove certe e concordanti dietro gli affari dei centri commerciali
, un presunto summit di mafia svelato da un pentito che però non ha trovato riscontri e i rapporti con alcuni esponenti di Cosa nostra, compresa l'intercessione di un parente. Sono i tre passaggi salienti delle motivazioni con cui la corte d'Appello ha assolto l'ex presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo, dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. 

Per lui le pm Agata Santonocito e Sabrina Gambino avevano chiesto sette anni e otto mesi di reclusione. Il dispositivo, letto nella tarda serata del 31 marzo scorso, ha di fatto ribaltato il giudizio di primo grado con cui la giudice Marina Rizza lo aveva condannato a sei anni e otto mesi. A restare in piedi, in attesa del probabile ricorso in Cassazione da parte della procura di Catania, c'è solo il reato di corruzione elettorale con l'aggravante di avere favorito la famiglia mafiosa dei Santapaola-Ercolano. Costato a Lombardo la pena a due anni, sospesa, e l'interdizione dai pubblici uffici. 

Scorrendo le pagine delle motivazioni, 270 fogli in totale, c'è spazio anche per il presunto summit tra i vertici mafiosi e Lombardo. Un faccia a faccia che, secondo il collaboratore di giustizia Santo La Causa, sarebbe avvenuto a giugno 2013 nella casa di campagna del politico, nel territorio di Ramacca. «Un evento - scrivono i giudici - assolutamente privo di riscontro probatorio». Il pentito, entrato nel programma di protezione nel 2012, aveva spiegato di non avere partecipato direttamente al presunto summit, ma di averlo appreso da Carmelo Puglisi, detto Melo suggi. Il boss del gruppo Civita però, in quel periodo, si trovava dietro le sbarre, quindi impossibilitato a presenziare. 

Un capitolo a parte è quello dei centri commerciali. Affari che hanno occupato per anni sia il cuore dell'inchiesta Iblis su Lombardo che quella che coinvolge l'editore ed ex direttore del quotidiano La SiciliaMario Ciancio Sanfilippo. Quest'ultimo rinviato a giudizio dopo l'iniziale proscioglimento da parte della giudice Gaetana Bernabò Di Stefano. «Non ci sono elementi probatori certi e univoci e non è possibile istituire un collegamento tra le diverse vicende al di fuori di mere intuizioni o generici sospetti», proseguono i togati che si sono occupati del processo di secondo grado. Sotto la lente d'ingrandimento il centro commerciale Centro Sicilia, in contrada Tenutella, a Misterbianco. Affare che, stando alle motivazioni, non avrebbe celato un faccia a faccia tra Lombardo e Mario Ciancio, all'epoca proprietario dei terreni. Nessun contatto per i giudici nemmeno per gli affidamenti dei lavori a Vincenzo Basilotta, chiacchierato imprenditore di Castel di Iudica, deceduto nel 2015

La corte d'Appello afferma invece che sono «dimostrati» i rapporti tra l'ex presidente e alcuni esponenti della mafia. Gli stessi che «avrebbero agito per agevolare la sua elezione, ma dal quale non avrebbero ricevuto alcun favore». A fare da tramite sarebbe stato il fratello di Lombardo, Angelo. Ex parlamentare del Movimento per le autonomie e attualmente sotto processo per concorso esterno in associazione mafiosa. Nel 2008, Angelo Lombardo sarebbe stato, ma il diretto interessato ha sempre smentito, vittima di un pestaggio «a causa del comportamento scorretto del governatore e come avvertimento a lui». L'episodio sarebbe stato legato al presunto mancato rispetto delle promesse elettorali, messe nero su bianco nei verbali e poi ripetute in aula dal collaboratore di giustizia Eugenio Sturiale. Dietro l'appoggio di Cosa nostra, reato che ha portato all'esclusione per l'ex presidente dell'aggravante di avere agito con forza intimidatrice, ci sarebbero state anche cessioni gratuite di dosi di marijuana a tossicodipendenti in cambio di una x sulla scheda elettorale. 

catania.meridionews.it

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL CASO DAVID ROSSI

IL CASO DAVID ROSSI

by Davide Vecchi

Le ultime ore di vita di David RossiLa...

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

UNO SBIRRO NON LO SALVA NESSUNO

by Giacomo Cacciatore

Questo libro racconta la vera storia della scomparsa...


CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

CARLO ALBERTO DALLA CHIESA. UN PAPÀ CON GLI ALAMARI

by Simona dalla Chiesa

"Un papà con gli alamari" non è una...

DALLA CHIESA

DALLA CHIESA

by Andrea Galli

Giovanissimo incursore durante la Seconda guerra mondiale, dopo...


UNA STRAGE SEMPLICE

UNA STRAGE SEMPLICE

by Nando dalla Chiesa

Capaci. E la sua continuazione, via D'Amelio. Una...

LA MAFIA DIMENTICATA

LA MAFIA DIMENTICATA

by Umberto Santino

I caporioni della mafia stanno sotto la salvaguardia...


IL PATTO INFAME

IL PATTO INFAME

by Luigi Grimaldi

Napoli, la mattina del 27 aprile 1982 un...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

La mafia ha vinto, le rivelazioni di Buscetta...


Libri in primo piano

collusi homeNino Di Matteo e Salvo Palazzolo

COLLUSI

Perché politici, uomini delle istituzioni e manager continuano
a trattare con la mafia



quarantanni-di-mafia-agg
Saverio Lodato

QUARANT'ANNI DI MAFIA
Storia di una guerra infinita
Edizione aggiornata
Il processo per la Trattativa


il ritorno del principe homeSaverio Lodato
Roberto Scarpinato


IL RITORNO DEL PRINCIPE
La criminalità dei potenti
in Italia



ho ucciso giovanni falcone homeSaverio Lodato

HO UCCISO
GIOVANNI FALCONE

La confessione
di Giovanni Brusca